Ambiente Otranto Porto Cesareo 

“Il mare più bello - Guida Blu 2021”: Porto Cesareo e Otranto ricevono le 5 vele di Legambiente

Porto Cesareo è inserita nella Guida Blu di Legambiente, e porta a casa 5 vele blu. L’impegno e il lavoro di squadra premiano il territorio

Presentata questa mattina a Bari nella sala stampa della Legambiente Puglia la pubblicazione “Il mare più bello – Guida Blu 2021” del Touring Club Italiano di Legambiente.       

Con l’occasione sono stati consegnati i riconoscimenti delle “Cinque Vele” agli amministratori dei Comuni dei comprensori turistici premiati tra cui Porto Cesareo e Otranto, che anche quest’anno conferma la sua posizione tra le località in vetta alla classifica

Gli amministratori otrantini hanno da sempre a cuore l’ambiente e promuovono iniziative volte alla sua salvaguardia e alla sensibilizzazione: pulizia dei fondali, delle coste e delle spiagge, in collaborazione con Legambiente e altre associazioni presenti sul territorio. 

 Il Sindaco Pierpaolo Cariddi, presente a Bari questa mattina, ha dichiarato: “Le azioni di tutela del nostro patrimonio ambientale, paesaggistico e culturale, fondamentali per preservare contesti che garantiscono un’alta qualità  della vita dei nostri concittadini, sono un punto di forza per costruire un’offerta turistica esperenziale per i numerosi ospiti che giungono nella nostra città anche non in estate. Per vivere appieno le bellezze del nostro territorio bisogna però passare a una mobilità lenta. Abbiamo già ottenuto dal Ministero delle infrastrutture e della Mobilità Sostenibili un finanziamento di 3.542.000,00 di Euro per realizzare una nuova pista ciclabile in sede propria che collegherà l’area portuale di Otranto con il borgo di Porto Badisco”.

”Mi sento altresì di affermare che i risultati raggiunti sono da attribuire a una importante sinergia tra amministrazione, operatori economici e cittadini, che ha fatto di Otranto meta ambita dei flussi turistici nazionali ed internazionali”, ha concluso il primo cittadino.

 «Anni di impegno sul territorio e per il territorio, ci consentono di conseguire un risultato straordinario. Traguardo ultimo, a seguito di tappe intermedie non meno rilevanti» è il commento di Silvia Tarantino sindaco di Porto Cesareo, dopo il prestigioso riconoscimento. «Porto Cesareo è inserita nella Guida Blu di Legambiente, e porta  a casa 5 vele blu.  L’impegno e il lavoro di squadra premiano il territorio.

Basti ricordare che nel 2018, l’Area Marina Protetta di Porto Cesareo è stata premiata dal Ministero dell’Ambiente, come la prima in Italia per capacità di attrarre finanziamenti e promuovere e portare avanti progetti di livello quali il ripopolamento ittico, la lotta all’erosione delle coste, l’ecocentro per i rifiuti rivenienti dai fondali marini.

E ancora,   fondamentale è il ruolo del Centro di Educazione Ambientale nella promozione di iniziative e attività di sensibilizzazione di cittadini e turisti, oltre che nella realizzazione di attività a tutela e salvaguardia dell’ambiente marino e terrestre.

Sul territorio di Porto Cesareo insiste inoltre, la Riserva Regionale Palude del Conte e Duna Costiera, che vanta habitat di flora e fauna di notevole pregio, e le cosiddette Spunnulate ( doline carsiche di straordinaria bellezza ),  oggetto di escursioni gratuite durante tutto l’anno.

Non da ultimo, la crescita e lo sviluppo di Porto Cesareo negli ultimi anni, sono dovuti anche alla soluzione definitiva di ataviche problematiche gravose per l’intera comunità, grazie alla  realizzazione della rete  fognante e alla  definizione del Piano Urbanistico Generale.

Non siamo davanti a un punto d’arrivo, ma a un nuovo, straordinario, inizio».






Potrebbeinteressarti