Società Otranto 

Il comandante Spedicato va in pensione: dopo 15 anni saluta la comunità di Otranto

Dopo trentacinque anni di servizio nel corpo della Polizia locale e quindici al comando della sezione otrantina, Vito Alberto Spedicato lascia la divisa e si congeda

Una presenza riconoscibile, che nel corso degli anni è diventata familiare oltre la divisa indossata: Vito Alberto Spedicato si congeda dalla comunità di Otranto, servita per quindici anni come comandante della Polizia locale, e va in pensione.

Una stagione “minore” forse se paragonata alla totalità dei 35 anni spesi al servizio alla divisa indossata, ma comunque intensa, nella complessità che l’incarico richiede e nell’equilibrio dei rapporti umani, consolidati nel tempo.

Nelle piccole realtà, del resto, quello che resta più di tutto è appunto l’aspetto umano di ogni incontro tra persone, che richiede rispetto reciproco e contemporaneamente fedeltà a compiti e doveri.

In questa prospettiva, il comandante Spedicato ha messo in gioco il proprio ruolo con dedizione alle proprie responsabilità e una importante capacità di interazione con la comunità circostante.  

Spedicato ha voluto affidare ai social un ringraziamento sentito alla città che lo ha accolto in questi anni e a quanti, amministratori, militari e cittadini, hanno offerto disponibilità e collaborazione: “È stata un’esperienza che mi ha dato molto sia a livello professionale che umano – scrive -, intensa, piena di momenti difficili ma anche di tante soddisfazioni”.

“Tuttavia mi scuso con i cittadini se qualche volta – ha aggiunto -, pur avendo voluto, non sono riuscito ad esprimermi al meglio, per una serie di circostanze e cause di forza maggiore. Mi scuso ancora se talvolta derogando a un sentimento di umanità ho dovuto con sacrificio applicare la legalità”.

In tempi di Covid, purtroppo, il suo congedo da Otranto è avvenuto in maniera discreta, ma non sono mancate in queste ore le manifestazioni di affetto di quanti hanno riconosciuto il suo lavoro prezioso e ne hanno apprezzato la disponibilità. 


Potrebbeinteressarti