Ambiente Nardò 

Ok all'allargamento dell'Area Marina Protetta: presto includerà anche Portoselvaggio

La decisione del consiglio comunale di Porto Cesareo. Soddisfazione del sindaco di Nardò

Con l'ok del Consiglio comunale di Porto Cesareo l'Area Marina Protetta si potrà allargare fino a comprendere anche il tratto di mare di Portoselvaggio.

«La decisione di Porto Cesareo è storica e ci permette di definire una questione piuttosto complessa, che va avanti ormai da quindici anni» commenta il sindaco di Nardò Pippi Mellone - si tratta di un altro, decisivo, passo in avanti sul fronte della battaglia storica sulla riperimetrazione della riserva marina, che includerà un ulteriore tratto di costa jonica i cui fondali hanno un grande valore naturalistico e necessitano di misure di tutela adeguate, cioè il tratto di mare prospiciente il Parco Naturale Regionale di Porto Selvaggio e Palude del Capitano. Dopo la delibera di assemblea, formalizzata a settembre scorso, il consorzio di gestione dell’area marina è al lavoro per ultimare le procedure e l’iter scientifico già avviato e per la concreta formalizzazione dell’ampliamento, finora sempre bloccato da mancati accordi tra gli enti consorziati.

Il prossimo passo sarà il “via libera” del Consiglio comunale neretino.

«L’ampliamento – prosegue Pippi Mellone – è una prospettiva che avvantaggia tutto il territorio jonico, non solo Nardò, perché aumenta i profili di tutela e quindi il valore di tutta l’area. D’altro canto, è quanto meno stravagante che il mare di fronte il parco di Portoselvaggio non sia stato compreso sino ad oggi nel perimetro dell’area protetta. I risvolti saranno molteplici: innanzitutto, tutela dell’ambiente marino, ma anche opportunità di valorizzazione a fini turistici, aumento della pescosità delle aree limitrofe come effetto della protezione e quindi vantaggi innegabili per il comparto pesca. Questo è un risultato importante e molto del merito va dato all’ex assessore Natalizio, che ringrazio».


     

Potrebbeinteressarti