Cronaca Nardò Porto Cesareo 

Lavoratori in nero, oltre 20mila euro di sanzioni per titolare di esercizio e cooperativa

Controlli dei carabinieri in un esercizio commerciale di Porto Cesareo e in una società cooperativa di Nardò

Lavoratori impiegati in nero, finiscono nei guai il titolare di un esercizio commerciale e una società cooperativa.

A Porto Cesareo, dopo specifici accertamenti i carabinieri della stazione locale insieme ai colleghi del Nucleo ispettorato lavoro di Lecce, i funzionari Itl e Spesal Lecce nord, hanno denunciato un 61enne del posto, titolare di un esercizio commerciale, perché impiegava 4 lavoratori su 8 non inquadrati.

Nella circostanza venivano rilevate le irregolarità nell’applicazione del protocollo gestionale anti contagio da Covid 19, consistenti nel mancato aggiornamento del registro sanificazione e della pulizia giornaliera, nella mancata consegna del protocollo a dipendenti e nell’insufficiente cartellonistica informativa e formativa sul rischio.

Comminate sanzioni amministrative per un totale di 16.800 euro e disposta la sospensione attività imprenditoriale. In corso l’istruttoria per accertare le violazioni alla normativa su sicurezza e salute sui luoghi di lavoro.

Nel medesimo contesto, presso lo stesso esercizio commerciale, veniva individuata una società cooperativa, con sede legale a Nardò, il cui titolare è un 50enne, rilevando la presenza di uno dei due lavoratori non inquadrati. Anche a carico quest’ultima azienda si è proceduto alla sospensione dell’attività imprenditoriale e a elevare sanzioni amministrative per un importo pari a 5800 euro.

 

Potrebbeinteressarti