Salute e Benessere Melendugno 

Il mare di tutti: medici in prima linea a San Foca

Il progetto denominato “Il mare di tutti”, unico in tutta Italia, è rivolto alla fisioterapia a mare, dedicato a persone con patologie neurologiche, fra cui spiccano la sclerosi multipla e la SLA

Medici in prima linea a “Il mare di tutti” di Sunrise onlus a San Foca. Una delegazione del direttivo dell’Ordine dei medici Chirurghi e Odontoiatri di Lecce ieri è stata presente, in rappresentanza di tutti i Medici salentini, al progetto “Il mare di tutti”, promosso dalla Associazione “Sunrise Onlus” di Borgagne presieduta da Maria De Giovanni, che si svolge presso il Lido Coiba a San Foca nella marina di Melendugno.

L’ordine dei Medici della provincia di Lecce presieduto dal Dott. Donato De Giorgi, Direttore del reparto di Chirurgia a Gallipoli e a Copertino, ha patrocinato e portato una concreta vicinanza al progetto in questione, ma non solo: i medici sono davvero in prima linea in quanto insieme oggi si sono ritrovati proprio al “Mare di tutti”, per discutere e ottimizzare qualitativamente la vita di chi per mille ragioni purtroppo combatte con una disabilità. Erano presenti diversi medici fra cui Gino Peccarisi vice presidente dell’Ordine, e i consiglieri Nicola Ciannamea, Antonio Zecca, Salvatore Caggiula (presidente commissione albo Odontoiatri) e Daniela Fusco. Insieme alla Presidente Maria De Giovanni i medici si sono confrontati in una mattinata ricca di idee e progetti che vede appunto l'istituzione provinciale dei medici e l'associazionismo fare rete per il bene della persona che necessita di aiuto. Il progetto denominato “Il mare di tutti”, unico in tutta Italia, è rivolto alla fisioterapia a mare, dedicato a persone con patologie neurologiche, fra cui spiccano la sclerosi multipla e la SLA.

“Siamo felici di essere al vostro fianco - ha esordito il presidente De Giorgi – questa collaborazione è per noi l’opportunità di aiutare ad aiutare; fondamentale prendersi cura delle malattie croniche: si tratta di una nuova condizione a cui la persona affetta è costretta ad abituarsi. Promuovere questi progetti ci rende protagonisti tutti insieme, al fianco di chi ha bisogno. Non solo psicologicamente ma proprio fisicamente: infatti non è facile far fare un bagno e - come in questo caso - la fisioterapia a mare, e tutto il contorno deve essere organizzato minuziosamente in un ogni singolo dettaglio, proprio per la sicurezza. Progetti come il mare di tutti devono essere supportati e aiutati a crescere perché ogni giorno si vedono grandi risultati”.

Il presidente e la delegazione dei medici hanno poi dialogato, sviscerato la componente umana di ogni caso, puntando l’obiettivo insieme a Maria De Giovanni su come ottimizzare qualitativamente la tecnicità dell’esecuzione progettuale.

“Sono onorata di avere al nostro fianco l’Ordine dei Medici - dice Maria De Giovanni – perché solo grazie alla sinergia e alla collaborazione si possono raggiungere grandi risultati. Quest’anno con il COVID stiamo eseguendo le terapie sia la mattina che la sera, ma per noi qui al mare in realtà vi è la possibilità di regalare la felicità di questo bene grandissimo a persone che non ci vanno da decine di anni; se poi - come abbiamo voluto - il binomio è 'mare e fisioterapia', il successo di questo grande progetto è garantito: persone felici di vivere, finalmente, perché questo dà il mare!”.

Dunque racconti davvero emozionanti di chi il mare lo vede solo alla TV e che grazie invece all’impegno di Maria e di tutta una squadra formata da specialisti, medici, fisiatri, fisioterapisti, psicologi, infermieri e volontari formati nelle patologie neurologiche, possono finalmente usufruire di un servizio che accresce la comunità tutta. Le storie raccontate sono particolari, persone relegate alla propria disabilità che per mille motivi logistici, psicologici e delle volte anche familiari sono destinate al loro angolo di solitudine. L’OMCeO di Lecce ha dunque sancito un patto organizzativo e umano con l’associazione, impegnandosi a potenziare il progetto “Il mare di tutti”. Per poter partecipare basta scrivere alla mail sunriseonlus@hotmail.com oppure chiamare il 327 200 33 95.


Potrebbeinteressarti