Musica Spettacoli Teatro Maglie 

“Non ce ne importa niente”: appuntamento a Maglie con le Sorelle Marinetti

Appuntamento a Maglie il 21 luglio a partire dalle 21.15 con lo spettacolo “Non ce ne importa niente” delle Sorelle Marinetti

Non è un semplice concerto, ma una vera e propria pièce di teatro musicale, che propone allo spettatore un viaggio temporale a ritroso, verso gli anni ’30. Anni di grandi inquietudini, per l’approssimarsi all’orizzonte di nubi nere, ma anni anche di voglia d’evasione e di spensieratezza che, grazie alla scuderia di autori, cantanti e direttori d’orchestra dell’Eiar (l’Ente Italiano Audizioni Radiofoniche, da cui sarebbe nata la Rai), ha prodotto un repertorio di canzoni che ancora oggi mettono di buonumore. Interpreti di questo viaggio sono le Sorelle Marinetti, un trio di “ragazze” davvero particolari che, affascinate dall’esperienza artistica e umana del Trio Lescano, raccontano con gustosi sketch la società del tempo e interpretano i più grandi successi di quegli anni.

Appuntamento a Maglie il 21 luglio a partire dalle 21.15 con lo spettacolo “Non ce ne importa niente” delle Sorelle Marinetti.

Prevendita e Prenotazioni:

CARTEL - piazza Aldo Moro 19, Maglie

tel. 0836.484092 - 328.0454551

Biglietto: 

10 euro (+ 1 per diritto di prevendita).

Potrebbeinteressarti

Alla scoperta della bellezza, identità celata

Il progetto dedicato ai giovani a rischio devianza è presentato da “Teatro dei veleni” capofila del progetto, in partnership con “Piero Manni srl”, Comune di San Donato di Lecce, Lequile e Calimera.


Katër I Radës, memorie migranti a 24 anni dalla tragedia

Domenica 28 marzo “Katër i Radës - Memorie migranti in diretta streaming da International Theatre Institute Italia”, progetto ideato da Ermelinda Bircaj e dall’International Theatre Institute - Italia, in collaborazione con Astràgali Teatro e Spazio Disponibile, in memoria della tragedia del 28 marzo 1997 nel Canale d'Otranto

Facciamo luce sul teatro

Proteggere e liberare le città dai danni provocati da un’epidemia – intimava Sofocle nel suo immortale Edipo – significa innanzitutto conoscere se stessi, prima che un’intera comunità si ammali di tristezza non riuscendo più a immaginare un futuro