Cronaca Maglie 

Agguato davanti al fast food a Maglie: chiesti 14 anni per l’omicidio

L’istanza è stata discussa questa mattina con il rito abbreviato: a perdere la vita fu Mattia Capocelli

Rischia una condanna a 14 anni e 8 mesi, Simone Paiano, il 26enne che la notte tra il 24 e il 25 aprile accusato di aver ucciso, in maniera intenzionale, il 25enne Mattia Capocelli, dopo un’imboscata avvenuta nei pressi di via Montegrappa a Maglie, nei pressi di un camioncino fast food. A chiedere la pena, il pubblico ministero della Procura di Lecce, Maria Consolata Moschettini, nel corso del rito abbreviato davanti al giudice per l’udienza preliminare Marcello Rizzo, che ha aggiunto altri due anni per la detenzione dell’arma e 60mila euro di multa.

Il magistrato non ha creduto alla versione della legittima difesa nata dall’agguato ai danni di Paiano, organizzato per la gestione dello spaccio di droga tra Maglie e Scorrano e quindi ha confermato l’omicidio volontario. Quella sera Paiano si recò all’appuntamento, dopo che Capocelli e i suoi amici, gli avevano fatto intendere di aver sequestrato suo fratello.

Arrivato sul posto, secondo la difesa, Paiano fu aggredito dal gruppo con colpi di machete e coltelli, e si sarebbe difeso dall’aggressione Due anni e dieci mesi sono stati chiesti per le accuse di sequestro di persona e lesioni per Salvatore Maraschio, 26 anni, Marco Cananiello, 22 anni, ed Andrea Marsella, 28 anni. Assoluzione per Giorgio Rausa, 25 anni, di Scorrano arrivato solo in seguito al Pronto soccorso di Scorrano. Dieci mesi per Domenico Tunno, 32 anni, per favoreggiamento. Per Pierluigi Esposito, si procede con il rito ordinario per favoreggiamento

L’avvocato Alberto Corvaglia ha chiesto come parte civile, un milione di euro per conto dei genitori di Mattia Capocelli, mentre per il fratello Armando ed una nipote, 500mila euro tramite l’avvocato Arcangelo Corvaglia. A difendere Simone Paiano, c’è l’avvocato Dimitry Conte che segue anche per la parte civile, anche il fratello Andrea Paiano. La discussione e la sentenza sono attesi per il prossimo 9 giugno.

 

Potrebbeinteressarti