Luoghi Lecce 

Bar, ludoteca e rifugio antiaereo: bando del Comune per il rilancio della Villa Comunale

Il bando è stato pubblicato ieri: gli interessati dovranno presentare un piano di gestione integrato di tutti gli spazi. Sarà sempre garantito il libero accesso

È stato pubblicato sull’albo pretorio del Comune di Lecce l’avviso pubblico per la concessione della villa comunale “Giuseppe Garibaldi”. Si tratta di una procedura preselettiva, che resterà aperta fino al prossimo 2 marzo, per la raccolta di manifestazioni di interesse finalizzate alla valorizzazione dell’intero complesso storico, nel quale potranno coesistere sia bar caffetteria, sia spazi da destinare ad attività ludico ricreative, manifestazioni o eventi, sia attività di carattere turistico-culturale con l’utilizzo degli spazi del rifugio antiaereo sotterraneo.


La Villa Comunale di Lecce è situata all’ingresso del centro storico della città, si estende per 34mila metri quadri, è interamente recintata e conta quattro ingressi, il principale dei quali si apre su Via XXV Luglio. Al suo interno sono presenti cinque fabbricati, ciascuno da riattivare e valorizzare nei progetti: il locale adibito a bar (125 mq), i bagni pubblici, la ludoteca (135 mq), la casa del custode (185 mq), il rifugio antiaereo risalente alla Seconda Guerra Mondiale.

Il primo nucleo dei giardini fu realizzato nel 1830. Dal 1883, un anno dopo la morte dell’eroe dei due mondi, la villa fu intitolata a Giuseppe Garibaldi. Attualmente è strutturata come “giardino all’italiana”, con un ampio spiazzo centrale e aiuole geometriche delimitate da bassi cordoli in cemento e da siepi. Diversi interventi, negli anni, la hanno arricchita di  elementi architettonici e decorativi:

I soggetti interessati potranno far pervenire la propria manifestazione di interesse, sottoscritta e corredata da una relazione che descriva le attività che si intendono svolgere, da un Piano Economico finanziario di massima con indicazione dei costi, dei ricavi e che tenga conto degli investimenti necessari per la valorizzazione e gestione dell’immobile.

Nella redazione della manifestazione di interesse il proponente dovrà in ogni caso tenere presente che per tutta la durata della concessione dovrà sempre essere assicurato l’utilizzo pubblico della Villa Comunale con accesso gratuito, ed essere assicurata vigilanza e guardiania. Dovrà inoltre provvedere all’apertura e chiusura della villa tutti i giorni della settimana, festivi inclusi, secondo gli orari indicati dal Comune e salvaguardare la presenza di un’area ludica per i bambini all’interno del giardino storico. Al concessionario spetterà il pagamento di tutte le utenze e le imposte previste per legge, facendosi carico delle opere di ordinaria e straordinaria manutenzione dei fabbricati, nonché le spese di ordinaria manutenzione del parco e del verde, il Comune si farà carico della manutenzione straordinaria del Parco e delle utenze di acqua e luce dello stesso.

Inoltre il concessionario dovrà corrispondere al Comune un canone annuale che in questa fase dovrà essere determinato liberamente dal proponente.


Potrebbeinteressarti