Musica Lizzanello 

Il giovane talento salentino Tommy Miglietta nominato Alfiere della Repubblica

Il musicista 11enne di Lizzanello è tra i 25 giovani che riceveranno l'onoreficenza conferita dal presidente della Repubblica

Il tamburellista e percussionista Tommy Miglietta, 11enne di Lizzanello è uno dei nuovi “Alfieri della Repubblica” nominati dal presidente della Repubblica, Sergio Mattarella. 

Si tratta di un attestato d’onore destinato a “giovani che si sono distinti come costruttori di comunità, attraverso la loro testimonianza, il loro impegno, le loro azioni coraggiose e solidali. Sono giovani che rappresentano modelli positivi di cittadinanza e che sono esempi dei molti ragazzi meritevoli presenti nel nostro Paese”.

Tommaso Miglietta sarà premiato “Per le sue qualità di tamburellista e percussionista, coltivate sin dalla più tenera età, che lo hanno portato a essere un interprete apprezzato di musica popolare”.

Tommaso, detto Tommy, è infatti un enfant prodige della world music e non solo: inizia a studiare batteria all'età di 4 anni e a soli 8 anni diventa il batterista ufficiale della band Terre a Sud con cui si esibisce in tournée per circa 40 date in Italia e all'estero. È volto noto di Rai Gulp dove conduce diversi programmi. Nonostante la giovane età, inoltre, il curriculum artistico di Tommy vanta già diverse collaborazioni Importanti, tra cui un duetto sul palco con Tullio De Piscopo e più di 300 concerti live in tutto il Mondo. 

Anche un altro giovane pugliese doventa Alfiere della Repubblica: si tratta di Matteo Scalinci, 14enne di San Pancrazio Salentino (BR) “Per l’impegno di volontario, pronto ad ascoltare e aiutare le persone più fragili. Per la passione e la competenza con cui diffonde preso i coetanei la cultura di protezione civile”.  

Potrebbeinteressarti


Ad Alezio live dei Respiro e La Malasorte

Sabato 17 Ottobre il sound electro-pop dei Respiro animerà il palco del El Barrio Verde di Alezio, preceduto in apertura dall’hip hop d’autore de La Malasorte, nuovo duo nato dall’incontro tra rap e world music