Libri Leverano 

Marta Barone a Leverano racconta la “Città sommersa”

Il libro, edito da Bompiani, era nei dodici semifinalisti al Premio Strega

Stasera, lunedì 20 luglio, alle ore 19, nella Biblioteca di comunità di Leverano, appuntamento con Marta Barone e la sua “Città sommersa”, libro edito da Bompiani, finito nel gruppo dei dodici semifinalisti dell’ultimo premio Strega.

La storia. Una giovane donna va in cerca di suo padre, morto di cancro quando era ragazza. Davanti a lei la Città, che un tempo era dominata dalla Fabbrica e dal suo sistema di vita. Marta Barone indaga sugli oscuri, violenti, ma anche felici Anni Settanta, di cui il padre è stato protagonista, testimone e vittima. Un uomo di cui Marta sa ben poco, un medico che assisteva i tossicodipendenti, i malati mentali, i disadattati, i più deboli. Un uomo disordinato, chiassoso, trasandato nel vestire e povero in canna.

Un romanzo a metà tra lo storico e l’autobiografico, un libro di memorie personali e sociali che è stato tra i dodici finalisti del premio Strega 2020. Un romanzo di formazione che segna l’esordio dell’autrice nella narrativa per adulti, un libro intenso e commovente, un affresco della Torino degli anni di piombo delle contrapposizioni ideologiche e delle contestazioni politiche.

Marta Barone è nata a Torino nel 1987. Ha pubblicato tre libri per ragazzi con Rizzoli e Mondadori. Traduttrice e consulente editoriale, insegna letterature comparate in un liceo di Como. 

Potrebbeinteressarti