Scienza e tecnologia Lecce 

Salvemini non metterà divieti sul 5G: “Fidiamoci della scienza come accade sul Covid”

Il sindaco leccese ha risposto in diretta web ai tanti che chiedevano chiarimenti sugli impianti di prossima generazione assicurando che seguirà le direttive dell’Istituto superiore di sanità

“Abbiamo imparato a fidarci della scienza in questa epoca terribile, continuiamo a farlo anche per quanto riguarda le tecnologie di prossima generazione”. Il sindaco Carlo Salvemini ha chiuso la porta ai divieti di installazione delle antenne 5G, annunciando che seguirà le indicazioni dell’Istituto superiore di Sanità. “Una scelta che altri sindaci non hanno fatto, emanando ordinanze specifiche e precise sul tema. Appena scoppiata l’epidemia, abbiamo chiesto informazioni a chi poteva darci indicazioni esaurienti. È sembrato che, per l’occasione, sia tornato il corretto rapporto tra la politica e la scienza. Non intendo andare contro questa direzione vietando tecnologie che, in un rapporto pubblico, non sono definite dannose”. In altre amministrazioni invece, circa una quindicina  (leggi qui), i primi cittadini hanno puntato su ordinanze che vietano l’installazione dei ripetitori. L'ultimo in ordine di tempo è il Comune di Cannole.

Potrebbeinteressarti