Cronaca Gallipoli 

I controlli dei Carabinieri a Gallipoli: focus su movida ed esercizi pubblici

La stagione estiva è entrata nel vivo e cresce l’incisività dei controlli dell’Arma per garantire maggiore sicurezza, soprattutto nelle ore serali e notturne.

Nell’ambito dell’intensificazione dei controlli pianificati in sede di Tavolo Tecnico, da parte di tutte le Forze di Polizia presenti sul territorio, lo scorso fine settimana, i Carabinieri della Compagnia di Gallipoli, con il supporto dei colleghi del Comando Provinciale di Lecce e del Nas, hanno effettuato serrati controlli nelle principali aree della movida, per contrastare i reati in genere, soprattutto quelli relativi alla sicurezza stradale, alla prevenzione del consumo di alcolici da parte di minori, e quelli connessi allo spaccio di sostanze stupefacenti.

Durante l’attività di controllo straordinario del territorio, che ha interessato in particolar modo le marine di Gallipoli e Nardò, il personale del Nas ha espletato la verifica di diverse attività di somministrazione ambulante, rilevando sanzioni amministrative per l’illecita vendita di bevande alcoliche nonché per carenze igienico - strutturali segnalate all’Autorità sanitaria.

Nell’ambito del servizio coordinato sono state identificate oltre 300 persone e controllati circa 200 veicoli, rilevando diverse violazioni al codice della strada, anche in relazione al servizio navetta esercitato abusivamente, senza la prevista licenza.

Inoltre, nel corso dell’attività finalizzata al contrasto all’uso e allo spaccio di droga, i Carabinieri hanno eseguito 11 segnalazioni alla competente Prefettura per consumo non terapeutico di sostanza stupefacente.

Tutti sanno che la capacità di guida, soprattutto in termini di attenzione e concentrazione è influenzata negativamente dalla assunzione di alcool e/o sostanze stupefacenti. La guida sotto l'effetto di sostanze alcoliche è tra le principali cause degli incidenti stradali gravi e mortali, in particolare fra i giovani. Si stima che almeno il 35% degli incidenti stradali sia causato da guida in stato di ebrezza alcolica. Recenti studi nazionali hanno dimostrato che più di 3 giovani su 4 fanno uso di bevande alcoliche.

L'alcool ha un effetto sedativo e riduce la vigilanza, crea euforia, facilita l'assunzione di comportamenti imprudenti, esagera la fiducia nelle proprie abilità e falsa la percezione delle distanze e della velocità. A parità di concentrazione di alcool nel sangue, il rischio aumenta molto rapidamente quanto minore è l'età del conducente e quanto è più rara la frequenza con cui si consumano usualmente bevande alcoliche.

L'uso di sostanze stupefacenti è un altro fattore che influenza negativamente la capacità di guida del conducente generando situazioni di pericolo per sé e per gli altri. L'assunzione di sostanze stupefacenti provoca una modificazione delle funzioni del sistema nervoso centrale ed un'alterazione dello stato di coscienza.

Guidare sotto l'effetto di queste sostanze significa mettere a repentaglio la propria vita e quella degli altri, oltre che rischiare di incorrere nell'arresto o in sanzioni amministrative (di natura pecuniaria e di sospensione della patente).

Gli effetti negativi dell'assunzione delle sostanze stupefacenti e dell'alcool sulla capacità di guida sono noti e, in maniera più diffusa, sono trattati nella sezione Questioni di vita sotto le voci Tossicodipendenza da sostanze stupefacenti e Alcool: una vita persa in un bicchiere del sito istituzionale dell’Arma dei carabinieri. (www.carabinieri.it).

Il servizio di controllo del territorio, continuerà regolarmente anche nelle prossime settimane, intensificandosi gradualmente nel periodo clou della stagione estiva, momento sempre complesso e delicato soprattutto per la grande affluenza di turisti e visitatori lungo le coste salentine.


Potrebbeinteressarti


Incidente mortale sulla Pista Porsche di Nardò

In uno scontro con la moto che conduceva all'interno della pista ha perso la vita il collaudatore 36enne Mattia Ottaviano di Tuglie. La Ntc: ''Vicini al dolore dei familiari. Collaboriamo con le autorità''.