Cronaca Gallipoli 

Rientro dalle Maldive rinviato di un giorno: risarcimento da oltre 3mila euro per una famiglia salentina

La famiglia si era rivolta all'associazione Codici per rivalersi sul tour operator

Due rinvi del volo di ritorno e soldi spesi inutilmente. Una famiglia di Gallipoli si è rivolta al Giudice di Pace, assistita dall'associazione, Codici per farsi rimborsare i costi sostenuti a causa dei disservizi ed ha ottenuto un ristoro di oltre 3mila euro.

«La vicenda – spiega Stefano Gallotta, Responsabile del Settore Trasporti e Turismo di Codici – risale al 2017, quando marito e moglie partono insieme al figlio di 4 anni per una vacanza alle Maldive. Il soggiorno è organizzato da Alpitour Bravo Club, con volo Alitalia per Brindisi-Roma Fiumicino e Neos dalla capitale a Malè. Il ritorno è programmato per il 6 novembre. Il giorno prima del rientro in Italia, alla famiglia viene comunicato che, a causa di un guasto tecnico, il volo è stato spostato di circa 24 ore. I nostri assistiti sono così costretti ad acquistare altri tre biglietti con Alitalia per la tratta Roma Fiumicino-Brindisi del 7 novembre, spendendo circa 1.300 euro, ma a quel punto devono fare i conti con un’ulteriore beffa: la comunicazione di un altro slittamento, questa volta di 4 ore, per il viaggio da Malè a Roma Fiumicino. I nuovi biglietti acquistati per il rientro a casa sono quindi inutilizzabili ed alla fine il rientro a Brindisi avviene con un giorno di ritardo rispetto al previsto». Alpitour e Neos si sono opposti, offrendo 400 euro per definire la pratica, ma la famiglia e l'associazione sono andati avanti ed alla fine il Giudice di Pace ha condannato tour operator e compagnia aerea al pagamento di oltre 3.000 euro.

«La Corte di Giustizia Europea – sottolinea l’avvocato Gallotta – ha da tempo assimilato i diritti dei passeggeri di voli giunti in ritardo a quelli dei passeggeri dei voli cancellati in merito al diritto alla compensazione pecuniaria, se questi voli raggiungono la destinazione finale oltre 3 ore dopo l'orario di arrivo previsto. Non solo. Ai passeggeri spetta anche il rimborso delle spese eventualmente sostenute a causa dell’eventuale ritardo».

Potrebbeinteressarti