Cronaca Gallipoli 

Depuratore di Gallipoli, Aqp ribadisce: «Impianto di eccellenza, acque chiare e inodore»

L’ente risponde alle critiche di Confindustria, dopo la scoperta di alcune macchie nere nel mare ionico

«Il depuratore funziona correttamente e rilascia acque chiare e inodore, nel rispetto dei parametri previsti dalla normativa vigente. A confermarlo sono altresì i recenti prelievi sulle acque di mare, in prossimità dell’uscita dell’impianto». Lo specifica Acquedotto Pugliese, in riferimento alle notizie su macchie scure nel mare della cittadina ionica.

«Il depuratore di Gallipoli -spiega l’ente- rappresenta una eccellenza nel panorama del comparto depurativo. L’intera portata delle acque è sottoposta a trattamenti di affinamento per il riutilizzo in agricoltura».

«Per quanto concerne la realizzazione della condotta sottomarina, dopo la chiusura dell’iter autorizzativo, si è conclusa la gara per l’affidamento dei servizi tecnici di progettazione definitiva e la redazione del Piano di Sicurezza e Coordinamento. Al contempo è stata avviata la gara dei servizi di prospezioni e indagini geotecniche e geognostiche.

«Nel mese di settembre inizieranno le attività di ispezione preventiva dei fondali marini con sistemi magnetotermici allo scopo di scongiurare l’eventuale presenza di ordigni bellici. I lavori, per un importo complessivo di 16 milioni di euro, sono pianificati dalla Regione Puglia e finanziati con fondi POR Puglia 2014-2020».

Nell’impianto è stato, inoltre, installato un sistema di videosorveglianza che registra costantemente le acque in uscita. Uno strumento che garantisce il monitoraggio in tempo reale delle acque. Un ulteriore controllo della qualità delle acque è garantito da un sistema informatico dedicato.

 

Potrebbeinteressarti