Cronaca Gallipoli 

Lido Rivabella, rimossi i sigilli: lo stabilimento balneare può ripartire

La decisione è arrivata nelle scorse ore con il pm che ha accolto l’istanza presentata dagli avvocati

Sono stati rimossi i sigilli del sequestro preventivo al Lido Rivabella di Gallipoli: la decisione è stata presa dal pubblico ministero Alessandro Prontera che ha accolto l’istanza presentata dagli avvocati Leonardo Maruotti e Carlo Viva.

La vicenda nasce nel mese di aprile quando, a seguito di attività di indagine svolta dalla Polizia Giudiziaria, il Giudice delle indagini preliminari, Cinzia Vergine, aveva disposto il sequestro preventivo dell’area demaniale in concessione e delle strutture realizzate.

In particolare, alla titolare è stata contestata l’occupazione del demanio marittimo, il mancato smontaggio della struttura al termine della stagione estiva e la non facile amovibilità della stessa.

Successivamente, il Tribunale del riesame di Lecce aveva parzialmente accolto l’istanza di riesame presentata dagli avvocati Leonardo Maruotti e Carlo Viva, disponendo il dissequestro dell’area demaniale.

Infine, è notizia di queste ore che, a seguito del provvedimento del P.M., finalmente potrà iniziare la stagione balneare anche per il Lido Rivabella. 

Potrebbeinteressarti