Cronaca Galatina 

Cede eroina nei pressi dell’Arco, fermato 43enne galatinese

L’uomo è stato notato mentre contrattava la vendita dello stupefacente ad un consumatore abituale

Vagava con fare circospetto nei pressi dell’Arco di Corso Porta Luce a Galatina e la sua presenza, nel pomeriggio di ieri, non è passata inosservata agli agenti presenti in zona. Poco dopo il giovane, già noto per essere assuntore abituale di sostanze stupefacenti, è stato raggiunto da un soggetto, anch’egli noto agli operatori, L.S. 43enne galatinese che, dopo aver scambiato alcune battute con il conoscente ha estratto dalla tasca del giubbotto un involucro consegnandoglielo e ricevendo in cambio da quest’ultimo una banconota da venti euro.

Avvenuto lo scambio, i due hanno preso direzioni diverse, sempre però seguiti dagli agenti: fermati, i due sono stati controllati. Il compratore è stato trovato in possesso di 2,8 grammi di eroina e segnalato alla Prefettura per uso personale di sostanze stupefacenti. L.S., nella tasca del giubbotto aveva un involucro, con 4 grammi di eroina e un bilancino di precisione di piccole dimensioni, mentre, nel portafogli, la somma contante di 625 euro tutte di piccolo taglio.

Nell’abitazione di L.S. gli agenti hanno trovato un modico quantitativo di marijuana ed una cartuccia per armi automatiche cal. 9 “parabellum”, in pessime condizioni di conservazione, non utilizzabile.

L.S. è stato arrestato e condotto agli arresti domiciliari per spaccio di sostanza stupefacente, mentre l’acquirente, oltre ad essere segnalato per uso personale di sostanze stupefacenti, è stato indagato per “favoreggiamento personale” per aver cercato di depistare le indagini, sostenendo di aver acquistato lo stupefacente da un ragazzo di colore di cui non conosceva l’identità.



Potrebbeinteressarti

Punito per aver fatto ''l'infame'', arrestato l'assassino

Ad uccidere due anni fa il 19enne Giampiero Carvone sarebbe stato un 26enne brindisino già agli arresti domiciliari. Alla base dell'omicidio un furto d'auto ad una persona sbagliata e l'aver riferito negli ambienti malavitosi i nomi dei complici.