Cronaca Galatina 

Coltiva marijuana nella roulotte in disuso: in un pacchetto di sigarette 9 proiettili

Indagato a Galatina dalla polizia locale, dopo la perquisizione e il rinvenimento di sostanza stupefacente, un 36enne del posto

Nelle prime ore della mattina di ieri, gli agenti del commissariato di Polizia di Galatina hanno effettuato una perquisizione domiciliare presso l’abitazione di un 36enne del posto, da giorni oggetto di alcuni servizi di osservazione: ritrovati subito sul ripiano di uno scaffale posizionato in un locale adibito a deposito/lavanderia, due recipienti in vetro contenenti in totale circa 6 grammi di marijuana.

La perquisizione è stata estesa anche nell’area circostante l’abitazione, dove è parcheggiata una roulotte in disuso, inaspettatamente collegata all’impianto di energia elettrica domestica tramite un cavo disteso per decine di metri. All’esterno della roulotte, sono state rinvenute 28 piantine “vive”, in vaso, di marijuana, di diverse dimensioni, mentre, all’interno, sono state rinvenute altre 25 piantine, appese a dei fili, in attesa del raggiungimento di un livello di essiccazione ideale per la raccolta e la successiva consumazione.

All’interno di un cassa in legno posizionata sul fondo della roulotte, si rinveniva un bilancino elettronico ed un pacchetto di sigarette nel cui interno vi erano nove proiettili calibro 6,35 marca “G.F.L.”.

La roulotte, trasformata in un vero e proprio “essiccatoio”, era anche dotata di lampade e di due termometri, perfettamente funzionati, necessari per la misurazione dell’umidità e della temperatura.

Al termine degli accertamenti, il materiale rinvenuto è stato sequestrato e l’uomo è stato indagato per i reati di produzione e detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente e detenzione abusiva di munizionamento.

Potrebbeinteressarti

Punito per aver fatto ''l'infame'', arrestato l'assassino

Ad uccidere due anni fa il 19enne Giampiero Carvone sarebbe stato un 26enne brindisino già agli arresti domiciliari. Alla base dell'omicidio un furto d'auto ad una persona sbagliata e l'aver riferito negli ambienti malavitosi i nomi dei complici.