Cronaca Galatina 

Galatina: sbatte contro l'auto della polizia per sfuggire al controllo, denunciata una donna

L'auto pirata è stat fermata dopo un inseguimento per le vie del centro storico: la conducente aveva la patente revocata

Per sfuggire al posto di blocco scappa per le vie del centro storico e travolge l'auto della polizia. E' accaduto mercoledì a Galatina e la protagonista è una donna che – si è scoperto in seguito – guidava  con la patente revocata. La volante del commissariato di Galatina impegnata in un posto di blocco in piazza Alighieri ha notato l'auto, una Fiat 500, che proveniva da Corso Porta ed uno degli agenti si è spostato al centro della strada mostrando l'alt. 

La conducente in un primo momento sembrava rallentare la propria corsa ma una volta giunta a ridosso dell’operatore, con una manovra pericolosa e scellerata, ha aumentato la velocità dandosi ad una precipitosa fuga in direzione della vicina Via Pietro Siciliani rischiando di investire l’agente che con un salto repentino è riuscito a schivare il mezzo. L'auto pirata ha continuato la corsa mettendo a serio repentaglio l’incolumità degli ignari passanti fino a quando, giunto nei pressi di via Scalfo si è trovata di fronte una Fiat Panda di Poste Italiane che le impediva di proseguire. Per nulla intenzionata a desistere, la donna ha inserito la retromarcia e, non curante del fatto che ormai a ridosso vi era l’autovettura della polizia, si è scontrata con questa.

Gli operatori, leggermente feriti nell'urto, sono scesi dal mezzo e sono riusciti a bloccare l’auto con il suo occupante, un 55enne con precedenti. A specifica richiesta sul motivo per cui si era sottratta al controllo, la donna non ha dato risposta ma è bastato un controllo presso la Banca Dati delle Forze di Polizia per scoprire che la donna risultava avere a suo carico un provvedimento di revoca della patente di guida  emesso dalla Prefettura di Lecce con contestuale ritiro del titolo di guida. La donna quindi è stata denunciata per  per resistenza e lesioni ed inoltre le è stato contestato l’illecito amministrativo per l’inosservanza delle norme anti-contagio.     

Potrebbeinteressarti