Fotonotizia Porto Cesareo 

A Porto Cesareo si accende il Natale: luci sull’isola dei conigli ma per poco

Si trattava, infatti, come chiarito dal Comune di un test per verificare la capacità dei lumen su territorio comunale

La suggestioni delle proiezioni natalizie sull’Isola dei Conigli resta uno spettacolo per pochi, per quanti cioè lo hanno ammirato di passaggio martedì sera.

L’intenzione di partenza era quella di proiettare immagini attinenti le feste alle porte senza alcun impatto negativo per le specie animali e vegetali presenti sull’isola, ma con la volontà di donare uno spettacolo unico nel suo genere.

Da qui sono partiti una serie di test tecnici finalizzati proprio a fare il match tra luminosità/impatto/portata lumen su territorio comunale. Un primo test è stato effettuato lunedì, ma le proiezioni sull’Isola, non avevano impatti negativi ma non erano visibili.

Martedì sera la seconda prova, con un risultato decisamente migliore sul fronte visivo - va specificato che non si trattava di luci fisse sugli alberi ma di immagini natalizie proiettate in movimento -, che però non rientrava nei parametri stabiliti dalla vigente normativa al riguardo.

La capacità di lumen previsti veniva superata.

“Nessuna volontà di arrecare danni all’ecosistema o al nostro paesaggio – spiegano dall’amministrazione, in risposta alle polemiche sollevate da qualcuno al riguardo -, quanto la voglia di regalare bellezza e colore in un momento storico che necessita di coesione, fiducia e non certo di scontri. Porto Cesareo è la nostra terra, lungi da noi danneggiarla. Piuttosto vestirla a festa e farla brillare ancora di più, questo sì che è nelle nostre intenzioni. Abbiamo effettuato una serie di test, tastato l’apprezzamento da parte della gente, ma i parametri di legge previsti al riguardo si sforano”.

Le verifiche sui luoghi di proiezione delle immagini festose e le diverse installazioni natalizie in paese, continueranno anche nei prossimi giorni, in attesa del debutto ufficiale degli addobbi previsto per l’8 dicembre prossimo.

 

Potrebbeinteressarti