Enogastronomia Eventi Melpignano 

A Melpignano torna il Mercato del Giusto

Per quattro venerdì, tra giugno e luglio, i banchi dei produttori consapevoli disposti lungo i portici di Piazza S. Giorgio, per il dibattito e gli ospiti. Ad accompagnare i 4 appuntamenti tanta musica dal vivo.

Spazi agricoli di comunità, cambiamenti climatici, produzione energetica diffusa e condivisa, misura territoriale. Sono alcuni dei temi sui quali si aprirà un confronto pubblico nelle prossime date del Mercato del Giusto, a giugno e luglio, in Piazza San Giorgio a Melpignano.

Con l’estate gli appuntamenti del Mercato del Giusto tornano serali: per quattro venerdì, a partire dal tramonto, i banchi dei produttori consapevoli si dispongono lungo i portici della piazza, abbracciando il dibattito e gli ospiti. Ad accompagnare ciascun appuntamento un’esibizione di musica dal vivo.

Si comincia venerdì 10 giugno, dalle ore 19:00, in Piazza San Giorgio con Germogliano nuove comunità. Semi e fermenti si racconta. I referenti dei progetti vincitori dell’avviso pubblico Semi e Fermenti , bandito dal Comune di Melpignano per la gestione di spazi agricoli collettivi, si raccontano.

Durante la serata si terrà la restituzione, in musica, del lavoro che i ragazzi della classe I della scuola secondaria di primo grado Oriolo e Ceccato hanno svolto all'interno del progetto Giovani Ambasciatori di Sostenibilità Ambientale, promosso dal Consorzio Universitario Interprovinciale Salentino e condotto dai dipartimenti DISTEBA e DSSSU dell'Università del Salento.

Per darsi appuntamento al prossimo Mercato del Giusto, in chiusura l'esibizione de La Répétition - orchestra senza confini diretta da Claudio Prima e Giovanni Martella.

Il calendario degli appuntamenti del Mercato del Giusto andrà avanti per tutta l'estate e porterà nella piazza di Melpignano, insieme ai produttori: Luca Mercalli, meteorologo, climatologo, divulgatore scientifico di fama internazionale, la Comunità Energetica di Melpignano, in fase di costituzione e ad oggi la più grande a livello nazionale, e Patrizio Roversi, volto di un turismo lento, capace di valorizzare e raccontare le bellezze dei centri minori.

Il Mercato del Giusto - ricorda la sindaca, Valentina Avantaggiato - nasce come uno spazio pubblico di confronto su ciò che di buono e giusto offre la Terra. Uno spazio per far incontrare contadini e produttori del territorio e cittadini, per riflettere insieme su temi e problematiche del nostro tempo e del nostro territorio. Nasce dalla volontà di aprire una riflessione pubblica sul futuro di questi luoghi.

Questo territorio rischia la desertificazione: ampie aree di terra, precedentemente custodite all'ombra dei nostri ulivi, rimarranno scoperte e bruciate dal sole, con conseguenze nefaste anche a causa dei cambiamenti climatici, che in questo lembo di terra già da qualche anno impattano in maniera evidente.

Il clima sta cambiando e questo territorio deve costruire il proprio futuro agricolo e non solo, dopo la fine della monocultura dell'olivo. Biodiversità, multifunzionalità agricola, welfare rurale, innovazioni tecnologiche e comunità energetiche come alternativa al agrifotovoltaico che minaccia le nostre campagne, possono essere le strade per prenderci cura di ciò che viviamo ogni giorno, e chi in questa Terra ci vuole vivere non può che pretendere che di ciò si discuta, pubblicamente.



Potrebbeinteressarti


Eutanasia, domani un convegno a Tricase dell'A.M.C.I.

Evento promosso da Associazione Medici Cattolici Italiani, Federazione Europea delle Associazioni dei Medici Cattolici, Centro studi Rosario Livatino, Società Italiana di Bioetica e dei comitati etici e altre associazioni di Pubblica Agenda ”Ditelo Sui Tetti”.