Enogastronomia Lecce 

A Natale è boom di purceddhuzzi e cartellate sulle tavole pugliesi

Secondo Coldiretti, poi, nella sfida tra panettone e pandoro, vince il primo. A Natale, nel Salento e sulle tavole pugliesi i dolci per eccellenza sono i tipici purceddhuzzi e le cartellate, mentre...

Secondo Coldiretti, poi, nella sfida tra panettone e pandoro, vince il primo. A Natale, nel Salento e sulle tavole pugliesi i dolci per eccellenza sono i tipici purceddhuzzi e le cartellate, mentre il panettone all’extravergine batte nettamente il pandoro. È quanto emerge dalle analisi di Coldiretti Puglia sui pranzi festivi e cenoni. Le massaie pugliesi, interpellate, hanno ammesso inoltre che passeranno non meno di due ore in cucina per produrre i dolci delle feste.   Dal Gargano al Salento i dolci radicati sul territorio sono tanti: dalle cartellate baresi al vin cotto, alla variante salentina con il miele, i purceddhuzzi con miele e mandorle, le ostie di Monte Sant'Angelo, il biscotto cegliese, gli amaretti e le nuvolette di mandorla, le paste secche. La preparazione casalinga dei piatti tradizionali delle feste è infatti – sostiene la Coldiretti – una attività tornata ad essere gratificante per uomini e donne e all’interno delle mura domestiche si svolge il rito della preparazione di specialità alimentari caratteristiche del Natale destinate spesso a rimanere solo un piacevole ricordo per tutto il restante periodo dell’anno. Si tratta spesso di dolci – ricorda Coldiretti – le cui ricette sono tramandate da generazioni e rappresentano un vero e proprio patrimonio culturale del Puglia. Accade così che, assieme agli immancabili panettone e pandoro, sulle tavole sono tornate anche le specialità casalinghe della tradizione contadina. A Brindisi la regina della giornata è stata la cartellata, con l'agripasticcere impegnato a preparare l'impasto e a ricreare i nastri di una sottile sfoglia di pasta, unita e avvolta su sé stessa sino a formare una sorta di “rosa” impregnata di vincotto tiepido o di miele, e poi ricoperte di cannella, zucchero a velo oppure mandorle.  

Potrebbeinteressarti