Economia e lavoro Puglia sette 

Frutta e verdura a km0, cresce la richiesta nella fase 3: +30% di consegne a domicilio

L'indagine di Coldiretti: apprezzato il giusto rapporto qualità/prezzo dei prodotti agroalimentari

Cresce in Puglia con la Fase 3 la rete delle aziende agricole a disposizione dei Gruppi di Acquisto Solidale che si avvalgono anche dei nuovi canali di prenotazione hi-tech e consegna a domicilio, con un aumento del 30% degli acquisti di comunità, dove viene apprezzato il giusto rapporto qualità/prezzo dei prodotti agroalimentari. E’ quanto dichiara Coldiretti Puglia, commentando i dati dell'Osservatorio Reale Mutua dedicato all'agricoltura e alle nuove abitudini di acquisto, secondo cui il 41% dei consumatori fa la spesa direttamente dal produttore scegliendo le eccellenze made in Italy del territorio.

“Un crescente numero di gruppi di acquisto sta nascendo anche a seguito della ripresa dopo il lungo lockdown causato dall’emergenza Coronavirus con l’obiettivo di approvvigionarsi direttamente nei mercati, nelle botteghe o nei punti vendita degli agricoltori di Campagna Amica per assicurarsi l’origine, la genuinità dei prodotti che si portano in tavola, ma facendo consegnare la spesa a Km0 a domicilio attraverso le prenotazioni su app e portali. In generale si tratta di relazioni che nascono da esigenze di acquisto, dalla voglia di ritrovare un migliore equilibrio tra qualità e prezzo, ma che finiscono per andare molto oltre, perché esprimono valori più alti rispetto alla pur importante dimensione commerciale, valori che hanno un forte contenuto di comunità, di socialità, di rivisitazione del modello di organizzazione della produzione e della società”, spiega Savino Muraglia, presidente di Coldiretti Puglia.

In Puglia i numeri dei Mercati di Campagna Amica sia all’aperto con gli ormai noti gazebo gialli sia nei due Mercati coperti di Brindisi e Foggia, delle Fattorie e delle Botteghe contano 9.000 giornate di apertura, 750 produttori coinvolti, 22mila giornate lavorative (tra lavoro autonomo e dipendente), 6.500 tonnellate di prodotto commercializzato. I Mercati di Campagna Amica sono divenuti punti di incontro e di prossimità dove, oltre alla vendita diretta, trova spazio la comunicazione, l’informazione, il racconto attorno al cibo, spesso salvato dall’estinzione grazie al lavoro dei custodi della biodiversità, i nostri agricoltori che quotidianamente si impegnano nella produzione e al contempo nella salvaguardia del territorio e dell’ambiente.

Ogni Gas ha propri criteri per selezionare i fornitori – aggiunge Coldiretti Puglia - individuare i modi di consegna, stabilire con il produttore un prezzo equo e scegliere cosa acquistare privilegiando la stagionalità, il biologico, il sostegno alle cooperative sociali, la riduzione degli imballaggi, le dimensioni del produttore o infine la vicinanza territoriale con il KM0. Le modalità di acquisto variano notevolmente e vanno dalla consegna a domicilio, alla prenotazione via internet fino “all’adozione” in gruppo di interi animali o piante da frutto.

Anche gli accordi del gruppo di acquisto con l’azienda sono differenti e possono prevedere – sostiene Coldiretti – la consegna settimanale del prodotto (ad esempio una cassetta di frutta e verdura di stagione) oppure la formulazione di specifici ordini per telefono o attraverso internet, ma anche tramite abbonamento con l’offerta di prodotti a scadenze fisse e pagamento anticipato. Le modalità maggiormente diffuse sono la distribuzione di cassette di ortofrutta a cadenza settimanale o bisettimanale e la vendita di pacchi di carne.

Si tratta di una tendenza che avvicina il produttore al consumatore che, soprattutto nelle città, sta contagiando i cittadini che – conclude Coldiretti  Puglia – intendono così garantirsi un volume di acquisto sufficiente ad ottimizzare i costi di trasporto e ad accedere a più vantaggiosi canali distributivi, dai mercati degli agricoltori di Campagna Amica fino direttamente nelle aziende.

Potrebbeinteressarti