Cronaca Diso Gallipoli Otranto 

Abusi e scempi contro il paesaggio, Forestali in azione sul territorio provinciale

Interventi a Diso, Gallipoli, Otranto e Galatone: abitazioni, scavi per piscine e opere in recinzione

A Diso, denunciata A. D. 61enne in qualità di proprietaria ed esecutore materiale delle opere abusive nonché dello smaltimento illecito dei rifiuti; per la realizzazione, in zona sottoposta a vincolo paesaggistico, di un muro di recinzione in blocchi di calcestruzzo su base in cemento in assenza di autorizzazione e per lo smaltimento illecito di rifiuti non pericolosi provenienti da demolizione edile, in parte spianati sul terreno sottoposto a sequestro preventivo.

A Gallipoli denunciata N. L., 52enne per aver realizzato, su un'area a vincolo paesaggistico boscata, opere di nuova edificazione. In un piazzale c’era uno scavo per la posa di una piscina fuori terra e di un vano in legno adibito a servizio igienico e sanitario. Le opere risultano non avere il titolo abilitativo e l’autorizzazione paesaggistica.

A Otranto denunciato D. B. R., 34enne, ritenuta responsabile del reato per lavori edili eseguiti in assenza o difformità di titolo abilitativo in area sottoposta a vincolo paesaggistico, consistenti nella realizzazione di una costruzione precaria di 24,97 mq e di una recinzione perimetrale.

A Galatone denunciato G. D.

Per aver realizzato, su un’area agricola, opere edili consistenti in un corpo di fabbrica della superficie pari a 130 mq circa ed un ulteriore piazzale in cemento armato con una superficie pari a 120 mq circa, completi di opere di recinzione in muratura. Le opere risultano ancora allo stato rustico e prive di coperture. Il tutto in assenza del permesso di costruire. Le opere sono state sequestrate

Potrebbeinteressarti

Punito per aver fatto ''l'infame'', arrestato l'assassino

Ad uccidere due anni fa il 19enne Giampiero Carvone sarebbe stato un 26enne brindisino già agli arresti domiciliari. Alla base dell'omicidio un furto d'auto ad una persona sbagliata e l'aver riferito negli ambienti malavitosi i nomi dei complici.