Cronaca Sannicola 

Trova una bomba della Seconda Guerra Mondiale e prova a venderla, denunciato

Un 56enne di Sannicola è stato denunciato dalla polizia di Gallipoli. L'ordigno è stato fatto brillare ieri.  Trova sott'acqua un ordigno bellico della Seconda Guerra Mondiale e ...

Un 56enne di Sannicola è stato denunciato dalla polizia di Gallipoli. L'ordigno è stato fatto brillare ieri.  Trova sott'acqua un ordigno bellico della Seconda Guerra Mondiale e prova a venderlo in un ristorante di Lido Conchiglie. Una “bravata” che rischia di costare fino a otto anni di reclusione ad un 56enne di Sannicola denunciato dagli agenti del Commissariato di Gallipoli. L’uomo, con la passione per la pesca subacquea, aveva ritrovato sabato scorso sul fondale marino antistante Lido Conchiglie, un residuo bellico del tipo Brizia 35-35 completo di spoletta d’innesco e ancora carico di materiale esplodente. Poi si era introdotto in un ristorante della località marina esibendo l’ordigno per venderlo a chi avesse dimostrato interesse. L’episodio, che determinava l’ovvio sconcerto degli avventori, è stato immediatamente riferito alla centrale operativa del Commissariato che ha inviato sul posto una volante. Dopo pochi minuti gli agenti avevano già rintracciato l’uomo nei pressi del lido dell’Aeronautica Militare, nel cui arenile, lo stesso, nel frattempo si era disfatto della bomba. Gli agenti, dopo aver identificato l’uomo, hanno messo in sicurezza la zona del ritrovamento con l’aiuto di personale dei Vigili del Fuoco e della stessa Aeronautica Militare. Questi ultimi hanno sorvegliato la zona sino alle prime ore della mattinata di ieri, quando gli artificieri dei carabinieri hanno fatto brillare il residuo bellico. L’indagato dovrà ora rispondere di violazione della Legge n. 895 del ‘67 recante disposizioni sul controllo delle armi. Immagine di repertorio

Potrebbeinteressarti

A Copertino un albero per Melissa Bassi

Cerimonia domani sera al rione Gelsi alla presenza dei genitori della ragazza. Cittadinanza onoraria a Cataldo Motta che condusse le indagini sulla bomba all’Istituto professionale “Morvillo Falcone” di Brindisi.