Curiosità Enogastronomia 

Una pizza unica in Puglia: la '400 gradi' di Lecce premiata con i “Tre spicchi” Gambero Rosso

Confermata l’eccellenza del locale salentino sulla nuova guida enogastronomica con un punteggio di 91 su 100

La decima edizione per la guida Pizzerie d’Italia di Gambero Rosso conferma la bontà dei prodotti della pizzeria ''400 gradi'' di Lecce. Come lo scorso anno, il locale salentino ha ottenuto un punteggio di 91 su 100 continuando la tradizione di qualità nell’olimpo delle pizzerie italiane

A conferma della grande evoluzione nel settore, si può sottolineare che nella prima edizione del luglio 2013, sul podio con il massimo punteggio – con tre spicchi e tre rotelle - c’erano 25 pizzerie al piatto e 5 pizzerie al taglio; Oggi sul podio troviamo 96 pizzerie al piatto e 12 pizzerie al taglio. Il settore cresce, si evolve e migliora costantemente. Pizzerie d’Italia 2023 rappresenta questo: la voglia di far crescere sempre più il mondo degli impasti e della lievitazione, con il piacere di trovare sul podio sia i grandi maestri della prima ora che hanno avuto l’intelligenza di evolvere in sintonia con i tempi sia le nuove generazioni che stanno contribuendo alla prosecuzione del successo del settore.

Oltre 690 esercizi segnalati, con un’appendice dedicata delle migliori pizzerie italiane nel mondo. Sono 16 nuovi ingressi nella vetta della classifica premiati con i Tre spicchi e 2 nuovi Tre Rotelle (vedi cartella stampa).16 anche i locali con premi speciali. Con la decima edizione della guida arrivano le Stelle ossia i locali che in questi dieci anni hanno ottenuto sempre tre spicchi o tre rotelle.

La Campania è al vertice con 23 locali premiati, seguita dalla Toscana con 16, Lazio con 13; Lombardia con 8; Piemonte e Veneto con 7; Sicilia con 6; Sardegna con 4; Abruzzo ed Emilia Romagna con 3; Liguria, Basilicata, Marche, Puglia, Trentino Alto-Adige e Umbria con 1.







Potrebbeinteressarti


Premio Iolanda 2022, primo posto per due opere

Ex aequo a Leuca tra ''Il metodo Cilento'' di Pignataro e Vecchio e ''Un odore di toscano'' di Roberto Perrone. Altri riconoscimenti a Gianni Gagliardo, Domenicantonio Galatà e alla famiglia Panella di Roma.