Cronaca Curiosità 

Anche il Salento sotto minaccia per la caduta del razzo cinese Lunga Marcia

Tra le possibili traiettorie calcolate ora per ora ce n'è una che indica come possibile zona del rientro incontrollato dei frammenti il nostro territorio.

Si segue con attenzione l'evoluzione del rientro incontrollato in atmosfera del razzo cinese 'Lunga Marcia'' che avverrà nella serata di domani, sabato 30 Luglio. Le proiezioni elaborate dall'americana Aerospace Corporation collocano la caduta nella tarda serata di sabato 30 luglio, con un'approssimazione di circa 7 ore.

E tra le possibili traiettorie ce n'è una che potrebbe interessare proprio il Salento come probabile zona di caduta del razzo o di suoi frammenti. Oltre al nostro territorio, la Protezione Civile ha reso noto che non si possono ancora escludere tre differenti traiettorie verso l'Italia. Queste potrebbero interessare il Centro-Sud, in particolare Lazio (da Latina verso Sud), Molise, Campania, Basilicata, Calabria, Sardegna e Sicilia.

Ad ogni modo, l’Agenzia spaziale cinese ha rassicurato sia la Nasa che le altre agenzie spaziali sul fatto che i frammenti del razzo possano cadere in un'area abitata. A detta di Pechino, la traiettoria più probabile localizza il punto di caduta nell’oceano, in un'area che comprende Stati Uniti, Africa, Australia, Brasile, India e Sud-Est asiatico.

Il razzo cinese Lunga Marcia 5B, che il 24 luglio scorso ha portato in orbita il secondo modulo della stazione spaziale cinese Tiangong.


Potrebbeinteressarti