Cultura Turismo Lecce 

La mappa ''Cosa vedere a Lecce'' al Castello Carlo V di Lecce

La guida (in italiano e in inglese) sarà consegnata a circa 100 strutture ricettive del capoluogo salentino, che potranno così regalarla ai loro ospiti.

Sarà disponibile a partire dal 28 giugno, nel punto informativo della piazza d’armi del Castello Carlo V di Lecce, “Cosa vedere a Lecce”.

Si tratta di una nuova mappa illustrata realizzata da Attraverso il Castello, da utilizzare durante la scoperta della città, che oltre a rappresentare uno strumento utile al visitatore per individuare i principali punti di interesse del capoluogo salentino, suggerisce alcuni prodotti enogastronomici tipici da provare e artisti contemporanei del territorio in base ai propri interessi. La guida sarà presto scaricabile online dal sito cosavederealecce.com.

La mappa (in italiano e in inglese) sarà consegnata a circa 100 strutture ricettive del capoluogo salentino, invitate a prenotarla e ritirarla, che potranno così regalarla ai loro ospiti che, a loro volta, avranno uno sconto di due euro per la visita guidata. Nella versione in lingua italiana un QRCode dà l’accesso ad uno speciale audio racconto, grazie al quale si possono immaginare i diversi ambienti del percorso.

I tour di visita guidata di Attraverso il Castello, della durata di circa un'ora, sono disponibili tutti i giorni, dal lunedì al giovedì (10:30, 11:30, 12:30 e 16, 17 in inglese, 18) e dal venerdì alla domenica (10:30, 11:30, 12:30 e 16, 17 in inglese, 18, 19 e 20).  Non è necessaria la prenotazione. Basterà presentarsi almeno 10 minuti prima dell’orario di partenza nella piazza d'armi del Castello.

Costruito in età medievale a ridosso delle mura dell’abitato, il Castello subì numerose ristrutturazioni nel corso dei secoli successivi con interventi in età federiciana, angioina e aragonese. L’edificio, che ospitò Maria d’Enghien e Giovanni Antonio Orsini del Balzo, era circondato sui quattro lati da un profondo fossato. L’aspetto attuale è dovuto agli interventi voluti da Carlo V nella prima metà del Cinquecento e condotti dall’architetto Gian Giacomo d’Acaya.

Questo progetto è stato creato dalla collaborazione tra le ragazze e i ragazzi del progetto Swapmeuseum, la Soprintendenza Archeologica, Belle Arti e Paesaggio per le Province di Brindisi e Lecce e le associazioni di promozione sociale 34° Fuso e The Monuments People con la partecipazione di Cosa Vedere srl.

Cosa vedere srl nasce come guida online ai luoghi culturali della capitale, per poi strutturarsi come hub culturale dove prendono forma percorsi turistici tematici, attività di Caccia al Tesoro, eventi culturali, progetti formativi e di valorizzazione del territorio.

E’ un modello di promozione culturale che ha l’ambizione di ripetersi anche in altre città d’Italia. La realizzazione e la stampa è stata possibile grazie al contributo dall'Agenzia per il Patrimonio Culturale Euromediterraneo e al sostegno di Marullo Costruzioni, che per la seconda volta ha voluto sostenere le attività di Attraverso il Castello dimostrandosi “costruttore di cultura” oltre che impresa edile impegnata per il restauro del patrimonio artistico - culturale del territorio.

Alice Spagnolo





Potrebbeinteressarti