Cultura Cursi 

“Petra Sonante”, nelle cave di Cursi nasce il parco della musica

Presentato il progetto approvato nell’ambito del bando regionale Radici e Ali, realizzato in collaborazione con il Museo Castromediano di Lecce

Da Cursi provengono gran parte delle pietre che hanno dato forma alle architetture barocche più belle del Salento. In tempi antichi, l’estrazione avveniva direttamente a mano, grazie al lavoro e all’esperienza dei “cavamonti”, operai esperti che individuavano le zone più ricche di questa pietra.

Oggi, dunque, le cave sono spazi che offrono un’interessante visione sulla cultura materiale della pietra, sui valori legati a questa risorsa, ai siti estrattivi e al loro riuso.

È su queste riflessioni che nasce Petra Sonante, il primo parco della musica e delle arti del Sud Italia concepito all’interno di una cava di estrazione. Tutto il progetto, realizzato dall’architetto Mauro Saito e dai suoi collaboratori, ruota attorno alla costruzione del primo organo in pietra leccese, uno strumento e un monumento unico nel suo genere per caratteristiche e dimensioni.

«Petra Sonante – spiega l’Architetto Mauro Saito - è un progetto innovativo e sperimentale che coinvolge tutte le arti per rigenerare una cava di pietra leccese, luogo di lavoro antico e tradizionale. Un vuoto fisico di materia viene riempito di contenuti metafisici ed attività creative. La pietra risuonerà come un organo e risarcirà il territorio con nuove idee teatrali, partiture musicali, opere d’arte, azioni artistiche condivise. Ein Gesamtkunstwerk, Opera d’arte totale».

Intorno a questa torre in grado di “suonare” sarà allestita un’area attrezzata (all’aperto e al coperto) in grado di ospitare piccoli e grandi eventi, esposizioni, attività di formazione con l’obiettivo di riqualificare un luogo di produzione convertendolo a nuove forte d’arte; creare un nuovo attrattore turistico sul territorio integrato con l’ecomuseo già esistente, offrendo un’esperienza unica capace di produrre valore non solo per l’economia locale, ma anche per l’infrastruttura sociale e culturale.

Petra Sonante è una visione contemporanea dello spazio: la compagine imprenditoriale rappresenta un elemento innovativo, poiché vede come lead partner la Pitardi Cavamonti srl di Cursi, proprietaria delle cava, che ha sposato questo progetto di rigenerazione dello spazio e ha unito, in partenariato, due delle più importanti realtà del territorio impegnate in ambito culturale, il Teatro Koreja e la Cooperativa Coolclub, con 34°Fuso, associazione impegnata già nell’attività di fruizione della cava in cui sarà realizzato l’intervento.

Scegliere nuovi spazi per le performing arts, è una delle sfide a cui sono chiamate le industrie culturali e creative oggi. Petra Sonante risponde proprio a questa nuova necessità, integrando la funzionalità di un luogo con la sua naturale attrattiva: in quanto opera d’arte attraversabile sarà capace di rivolgersi a diversi pubblici non solo nell’ambito culturale, ma anche turistico o didattico.

La rigenerazione di uno spazio implica necessariamente il coinvolgimento della comunità locale che cambia insieme al luogo, si trasforma, migliora. Il processo di sviluppo del sistema Petra Sonante dalla sua costruzione alla sua gestione è   fortemente inclusivo e trasversale. Il coinvolgimento, infatti, non riguarderà esclusivamente il comparto artistico, ma anche quello produttivo. Artigiani e artisti saranno attori di questo processo di trasformazione e di costruzione di un parco e di un pensiero intorno ad esso.

Potrebbeinteressarti