Cultura Lecce 

Torna Conversazioni sul futuro: 80 appuntamenti per parlare di cultura e attualità

Il festival partirà giovedì 23 settembre nel chiostro dell'ex Convitto Palmieri

Quattro giorni con 200 speaker nazionali e internazionali, da giovedì 23 a domenica 26 settembre torna a Lecce il festival Conversazioni sul futuro. 

In tutto 80 appuntamenti con ospiti italiani e internazionali in cui si parlerà di esteri, pandemia, diritti sociali e civili, ambiente, criminalità organizzata, giornalismo, lingua e comunicazione, social e hate speech, del futuro delle donne nelle religioni, satira, patrimonio e paesaggio, parità di genere, letteratura e televisione.

Il festival proporrà anche la proiezione di documentari, due concerti originali dedicati a Gianmaria Testa e Fabrizio De Andrè,  visite guidate e mostre. 

Nel cortile della Biblioteca di comunità dell’ex Convento Degli Agostiniani, in collaborazione con Storie cucite a mano, il festival proporrà una sezione dedicata alla narrativa “Young”. 

Gli incontri si terranno all’aperto negli spazi del Convitto Palmieri, degli ex conventi degli Agostiniani e dei Teatini, della libreria Liberrima e del parco archeologico di Rudiae. Con ingresso gratuito, posti limitati e distanziati, Green pass obbligatorio e prenotazione consigliata attraverso la piattaforma online Eventbrite. 

Giovedì 23 settembre alle 18 nel Chiostro del Convitto Palmieri ci sarà l’apertura ufficiale del festival con l’incontro “Arte, creatività e diritti umani” e l’inaugurazione della mostra “100 poster to fight fake news”. Interverranno con la direttrice artistica Gabriella Morelli, il sindaco Carlo Salvemini, il direttore Polo BiblioMusicale Luigi de Luca, il portavoce italiano di Amnesty International Riccardo Noury, il fondatore di Poster for Tomorrow Hervè Matine, e il pianista Peyman Yazdanian che, dalle 19.30, proporrà un concerto dedicato a Patrick Zaki. 

La giornata si concluderà dalle 21.30 agli Agostiniani con la partecipazione del politologo Gilles Kepel, che dialogherà con la giornalista Francesca Mannocchi, e presenterà il libro “il ritorno del profeta. Sempre agli Agostiniani dalle 18.30 si discuterà delle “Donne e il futuro delle religioni” con Miriam Camerini, Daniela di Carlo, Rosanna Maryam Sirignano e Suor Naike Borgo. 

Dalle 18 prendono il via anche appuntamenti nel Parco Archeologico di Rudiae con Nicola Gardini, docente di Letteratura italiana e comparata all’università di oxford e Francesco D’Andria, archeologo, professore emerito dell’Università del Salento. 

La prima giornata ospiterà anche la presentazione dei libri di Antonella Napoli, Ilaria Lia, Asmae Dachan, Stefano Liberti, Piero Megri Scaglione con Luca Bandirali e con Toni Tarantino. 

Nel Chiostro 500 del Convitto Palmieri alle 21 sarà proiettato il film di Keti Stamo “i figli di Caino”. 

La seconda giornata, venerdì 24 settembre, si concluderà alle 22 nel Convento dei Teatini con un omaggio al cantautore Gianmaria Testa, scomparso nel 2016. Tra gli ospiti della giornata ci saranno il procuratore Nicola Gratteri e il giornalista Antonio Nicaso che dialogherà con Rosario Tornasello, il vicedirettore dell’Espresso Lirio Abbate, il giornalista Domenico Quirico che dialogherà con Francesca Mannocchi. 

Dalle 18 a palazzo Turrisi-Palumbo prende il via la mostra di Charles Landry a cura di Marco Rainò. Si parlerà anche del concorso letterario Lingua madre con l’ideatrice del concorso Daniela Finocchi, e con altre ospiti, con la drag Queen Daphne Bohemien.

E ancora “Limoni” è un racconto sul G8 di Genova a cura di Annalisa Camilli, successivamente ci sarà la presentazione del percorso “Puglia ti vorrei- Giovani protagonisti” e le proiezioni dei documentari “Narsin”.

Dalle 16 agli Agostiniani la sezione Young, in collaborazione con Storie cucite a mano, ospiti saranno Antonella De Blasi e Luigi Garlando. Nel corso della serata si alternano le presentazioni di saggi e di romanzi.

Sabato 25 settembre accoglierà l’anteprima del nuovo romanzo dello scrittore Khaled Khalifa, tra gli ospiti la giovanissima influencer Valeria Vedovatti. Dalle 22 nel Chiostro dei Teatini,  il cantautore Massimo Donno e il pianista Mirko Signorile proporranno l’inedito concerto “Anima Salve-25 anni”, con l’ingresso a 12 euro. Si discuterà de “Il covid dell’anima” con Alessio Basta, giornalista di Piazza Pulita, e Leonardo Mendolicchio, psichiatra e psicoterapeuta. Un focus sarà dedicato alla Siria e ci sarà tempo anche per parlare di Raffalla Carrà. 

La giornata finale di domenica 26 settembre, si concluderà dalle 22 nel Chiostro dei Teatini con “Buon compleanno Amnesty: 60 anni in difesa dei diritti”. Dalle 12 le Officine Ergot ospiteranno la presentazione in anteprima della rivista “Arab Pop”. Il lungo pomeriggio prenderà il via alle 15.30 con la presentazione del volume “Invasione di campo” con Massimo Bray, Marco Damilano, Antonio Sofi e Chiara Organtini. 

Sempre dalle 15.30 si parlerà degli incontri dedicati ad Afghanistan, e all’Egitto. A Rudiae per le giornate europee del patrimonio, si parlerà di “Cultura e paesaggio: le città e il futuro del territorio”. Dalle 20 nelle varie location appuntamento per il reading Le Poete della beat. Poesie d'amore e contro la guerra a cura di Collettiva,  Tra silenzi e applausi: la tv e il ritorno del pubblico con Massimo Bernardini, Antonio Sofi, Saverio Raimondo e Beatrice Dondi; Climate change: studiare il futuro, capire il presente con il presidente Centro Euro-Mediterraneo sui Cambiamenti Climatici  Antonio Navarra, il sindaco di Lecce Carlo Salvemini e la giornalista Valentina Petrini; Seconde generazioni e diritti: a quando una riforma della legge di cittadinanza? con Nadeesha Uyangoda, Sonny Olumati, Kwanza Musi Dos Santos e Tina Marinari di Amnesty International Italia. 

Sempre alle 20 nel Chiostro dei Teatini, prima della Festa di Amnesty International, il talk Il diritto di essere Informati con Marina Castellaneta ,docente di Diritto internazionale dell’Università degli Studi di Bari Aldo Moro, i giornalisti e le giornaliste Amalia De Simone, Vittorio Di Trapani, Nico Piro, Sigfrido Ranucci, Fabio Casilli e Fabiana Pacella. 


Alice Spagnolo


Potrebbeinteressarti