Cultura Lecce 

Nella patria di Quinto Ennio, l’incontro di De Angelis con Dante

La rappresentazione con Agostino De Angelis si svolgerà nell’anfiteatro di Rudiae sabato prossimo

Sarà portato in scena sabato 28 agosto alle ore 18.30 lo spettacolo teatrale “Incontro con Dante nel parco Archeologico di Rudiae”, in occasione dei 700 anni dalla morte del sommo poeta.

Uno spettacolo insolito, organizzato dall’associazione culturale ArchèoTheatron, in un sito che nasce ancora prima di Dante. Il collegamento storico, dal periodo arcaico a quello romano, ci riporta e fa riferimento ad alcuni letterati latini dai quali Dante attinge per scrivere l’opera più famosa della lingua italiana.

Si parte proprio dal fatto che il padre della letteratura latina, Quinto Ennio, nacque nella città messapica di Rudiae nel 239 a.C e compose tragedie, commedie e 18 libri degli Annali, che narravano gli avvenimenti della storia di Roma e del Lazio a partire dall’arrivo di Enea.  Quell’Enea ripreso dal poeta latino Virgilio che è guida e ragione di Dante nella Divina Commedia, e che Dante incontra nel primo canto dell’Inferno.

Dante colloca anche nella cantica del Paradiso l’imperatore Traiano che incluse l’antica Lupiae nella via Traianea che andava da Roma a Brindisi.

È partendo da queste fonti storiche che De Angelis ha pensato di portare in scena la Divina Commedia in forma itinerante tra attori e voci recitanti, canto, musica e danza nel sito, con l’ausilio dell’archeologo Pio Panarelli, che interagirà con i personaggi dell’Opera, come guida storico archeologica.

Lo spettatore sarà accompagnato in un suggestivo viaggio tra Inferno, Purgatorio e Paradiso.

In scena con De Angelis ci saranno il soprano Laura De Vita con l’accompagnamento musicale di Luigi Solidoro, la scuola di danza Art Mood Ballet di Anna Rizzello con l’assolo di Francesca Gransasso, e gli interpreti Antonio Gabellone e Sabrina Longo.

L’ingresso è libero con prenotazione obbligatoria rispettando le normative anti-Covid.

Alice Spagnolo

Potrebbeinteressarti