Cultura Teatro Arnesano 

“InCanti” ad Arnesano per la festa del Crocifisso

La Divina Commedia per la festa del “Crocifisso” ad Arnesano

La Divina Commedia per la festa del “Crocifisso” ad Arnesano. Si svolgerà domani la quarta tappa della rassegna culturale “InCanti”, un omaggio a Dante: l’iniziativa è promossa col patrocinio del comune di Arnesano per le celebrazioni dei 700 anni dalla morte del sommo poeta. Per sei domeniche di fila (la rassegna terminerà l’11 luglio) l’attore teatrale Giorgio Podo reciterà i canti della Divina: l’appuntamento che coincide con il rito religioso del “Crocifisso”, è in piazza ai piedi del Palazzo Marchesale di Arnesano, con la lettura dei canti 33° e 26° dell’inferno e 33° del paradiso.

Per le misure anti-Covid che mirano soprattutto ad evitare assembramenti, sarà uno spettacolo in modalità audio-diffusiva. Tramite gli impianti di amplificazione, la voce dell’attore risuonerà quindi dai balconi. E il pubblico ascolterà all’aperto le terzine di Dante. “In questi tempi così difficili a causa di questa pandemia che sta cambiando la vita dell’intero pianeta, la nostra iniziativa vuole essere al contempo un forte segnale di speranza e fiducia ed una conferma che noi ci siamo e non abbiamo nessuna intenzione di arrenderci”, sottolinea l’attore Giorgio Podo, anima del progetto “InCanti”.

Andrea Tafuro 


Potrebbeinteressarti

Alla scoperta della bellezza, identità celata

Il progetto dedicato ai giovani a rischio devianza è presentato da “Teatro dei veleni” capofila del progetto, in partnership con “Piero Manni srl”, Comune di San Donato di Lecce, Lequile e Calimera.


Katër I Radës, memorie migranti a 24 anni dalla tragedia

Domenica 28 marzo “Katër i Radës - Memorie migranti in diretta streaming da International Theatre Institute Italia”, progetto ideato da Ermelinda Bircaj e dall’International Theatre Institute - Italia, in collaborazione con Astràgali Teatro e Spazio Disponibile, in memoria della tragedia del 28 marzo 1997 nel Canale d'Otranto

Facciamo luce sul teatro

Proteggere e liberare le città dai danni provocati da un’epidemia – intimava Sofocle nel suo immortale Edipo – significa innanzitutto conoscere se stessi, prima che un’intera comunità si ammali di tristezza non riuscendo più a immaginare un futuro