Cultura Lecce 

Migliaia di cd per il Conservatorio, la preziosa donazione di Ferdinando Arnò

Il musicista internazionale ha deciso di continuare il dialogo con il “Tito Schipa” da anni sensibile alla sua produzione artistica

In questi giorni l’importante patrimonio librario e discografico del Conservatorio “Tito Schipa” di Lecce si arricchisce ulteriormente grazie ad una cospicua donazione di alcune migliaia di preziosi CD da parte di Ferdinando Arnò, musicista di altissimo valore che inanella successi a livello internazionale.

Il capo coronato dal telaio d’un tamburello: Ferdinando Arnò appare così sulla copertina della monografia ultimamente dedicatagli dall’editrice Electa. Giocoso omaggio di un artista dal profilo internazionale alla terra d’origine, il magico Salento ove tutto risuona (e risana) come fosse cimbalu d’amuri. E però questo geniale compositore - nato a Manduria e formatosi a Boston nel prestigioso Berklee College of Music, può veramente dirsi sovrano di vari campi musicali. Incoronato jazzista da Quincy Jones in persona, Arnò da oltre vent’anni amplia e riannoda in modo personalissimo le trame del sound contemporaneo e classico, anche valorizzando il talento di voci particolari (da ultimo, quella di Malika Ayane). Nel contempo, fa incetta di premi nel settore pubblicitario (decine di grandi marchi risultano più convincenti grazie alle sue reinvenzioni sonore) e accresce la qualità del lavoro nell’ avveniristico studio di registrazione – il Quiet please! - che ha fondato a Milano, con l’obiettivo di dar sempre il meglio di sé. Disciplina tecnica e aperture culturali senza limiti gli valgono perciò convergenze artistiche sempre più originali – proprio in questi mesi ha coinvolto Noa, Gil Dor e giovani bandisti di Manduria nell’ennesimo suo spot per la Barilla.

Producendo musica in ogni continente, Arnò ha peraltro acquisito nel tempo una straordinaria attrezzatura acustica: a partire dalle casse AR3 (modello esposto a paradigma tecnologico dalla Smitshonian Institution di Washington) o dall’amplificatore nippo-americano Marantz 030, insuperabile per purezza di suono. Inoltre, egli ha raccolto anno dopo anno migliaia di tracce e CD di altissima qualità, che spaziano dal pop rock, al jazz hip hop, dall’elettronica al classico, dal soundtracks a rare compilation risalenti al primo Novecento. Tutte attrezzature e materiali che ora vengono donati al Conservatorio “Tito Schipa” di Lecce, da alcuni anni particolarmente sensibile alle strategie comunicative di cui Arnò è maestro: si apre un dialogo che si spera potrà consolidarsi nel tempo. Il cimbalu che corona il capo del generoso Ferdinando, davvero testimonia l’amuri per un Salento forse ancora azzoppato - citando Bodini - e che però attraverso educazione e professionalità musicali può volare alto. 

Potrebbeinteressarti