Cultura Lecce 

Passaporto delle visite ai musei per gli alunni leccesi

Un vero e proprio “passaporto”, con tanto di visto, per scoprire, visitare, acquisire familiarità con i musei e i luoghi della cultura della Puglia

Un vero e proprio “passaporto”, con tanto di visto, per scoprire, visitare, acquisire familiarità con i musei e i luoghi della cultura della Puglia. È il Passaporto delle visite ai Musei, ispirato ai programmi del Consiglio Comunale delle Ragazze e dei Ragazzi di Lecce, messo a punto dall’assessorato all'Istruzione del Comune di Lecce

A tutti gli alunni delle scuole primarie della città sarà distribuita la card sulla quale ciascun bambino potrà far apporre il timbro del museo visitato con la scuola o con la famiglia, ricevendo un premio dall’assessorato comunale all’Istruzione ogni cinque visite: libri, biglietti di ingresso a cinema e teatri, buoni sconto in libreria. Per le famiglie dei ragazzi dotati di passaporto dei musei della Città di Lecce, i musei che hanno aderito prevedranno agevolazioni all'ingresso.

Al circuito hanno aderito i musei della città di Lecce: Sigismondo Castromediano, Must, Musa – Museo Archeologico dell'Università del Salento, Museo papirologico dell'Università del Salento, Museo Diocesano di Arte Sacra, Museo della Cartapesta, Museo Ebraico, Museo Ferroviario, Museo Faggiano, Museo benedettino di arte sacra “Ora et labora”, Casa Museo Moscara, Casa Museo Spada, Museo d'arte contemporanea della Fondazione Biscozzi Rimbaud, il Parco Archeologico di Rudiae e il Museo dell'Abbazia di Santa Maria di Cerrate.

Il passaporto dei Musei sarà “riconosciuto” anche al Marta – Museo Archeologico nazionale di Taranto, al Museo Ribezzo di Brindisi, ai Musei Civico di Paleontologia di Maglie, al Museo Civico Barba di Gallipoli, Al Museo di Storia naturale del Salento di Calimera, al Museo Civico Cavoti di Galatina, al Museo di Biologia marina “Pietro Parenzan” di Porto Cesareo, al Museo della Memoria e dell'accoglienza di Santa Maria al Bagno, al Museo storico del Tarantismo di Melpignano, al Museo del Cosmonauta del Parco astronomico San Lorenzo, al Museo archeologico dei ragazzi di Nardò, al Museo della radio di Tuglie, al Museo del Faro di Punta Palascia, al Museo del Frantoio ipogeo di di Palazzo Granafei di Gallipoli, al Museo della Ceramica di Cutrofiano, al Museo del Frantoio ipogeo di Cursi, al Castello di Gallipoli, al Castello Aragonese di Otranto, al Castello di Corigliano d'Otranto.

I componenti del Consiglio comunale delle ragazze e dei ragazzi, guidati dalla sindaca Greta Quarta, hanno scritto il progetto, conosciuto i luoghi di cultura da includere nel percorso e disegnato la Card. Il progetto grafico del passaporto è della consigliera, Sharon Sambati.

Interviste all’assessore alla Pubblica Istruzione Fabiana Cicirillo, alla sindaca del Consiglio comunale delle ragazze e dei ragazzi Greta Quarta e alla consigliera Sharon Sambati.

Qui il servizio di Adriana Greco 

Potrebbeinteressarti


Katër I Radës, memorie migranti a 24 anni dalla tragedia

Domenica 28 marzo “Katër i Radës - Memorie migranti in diretta streaming da International Theatre Institute Italia”, progetto ideato da Ermelinda Bircaj e dall’International Theatre Institute - Italia, in collaborazione con Astràgali Teatro e Spazio Disponibile, in memoria della tragedia del 28 marzo 1997 nel Canale d'Otranto