Cultura Melpignano 

Danza degli indios per la Notte della Taranta, il videomessaggio dal Brasile

La pandemia ha impedito agli indigeni di partecipare al Concertone in programma a Melpignano

La comunità indios Bosco Verde ha cantato e ballato per le vie della città di Maricá in Brasile, nello stato di Rio de Janeiro, per il videomessaggio augurale inviato alla Fondazione la Notte della Taranta a poche ore dall’evento televisivo su Rai 2.

Gli indios, come annunciato, sarebbero stati sul palco del Concertone nell’edizione 2020 ma la pandemia ha impedito l’abbraccio tra le due culture.

Un abbraccio rimandato al 2021 quando, come spiega nel videomessaggio Sady Bianchin, segretario della cultura di Maricá, «saremo tutti a Melpignano per l’incontro tra pizzica e cultura indios».

«La conoscenza dei riti della tribù indigena viene trasmessa ai giovani nella scuola del villaggio da un nonno di 96 anni, spiega Jurema Nunes Oliveira (in guaranì si chiama Pará Jetê Irilù) capo della tribù Bosco Verde. Anche se non abbiamo più la nostra terra conserviamo le nostre tradizioni e il legame con La Notte della Taranta favorirà la conoscenza della nostra musica, della nostra danza».

«Ringraziamo Andrea Cuhna, responsabile cultura del governo di Maricá, per aver favorito l’incontro con la comunità indios che siamo certi ci regalerà grandi emozioni nel 2021. Già a settembre, conclude Massimo Manera presidente della Fondazione, incontreremo l’ambasciatore del Brasile in Italia».

Potrebbeinteressarti