Cultura 

Idee per comportarsi nel modo giusto

IDEE PER COMPORTARSI NEL MODO GIUSTO  1 Donna ed 1 Uomo, disiguaglianze esistenziali, disiguaglianze fisiche, disiguaglianze sostanziali...come andare avanti quando il 'carrozzone' si distrugg...

IDEE PER COMPORTARSI NEL MODO GIUSTO  1 Donna ed 1 Uomo, disiguaglianze esistenziali, disiguaglianze fisiche, disiguaglianze sostanziali...come andare avanti quando il 'carrozzone' si distrugge e nessuno vuole aiutare, nessuno vuole collaborare, nessuno ...lasciare andare alla deriva, lasciare che il tempo passi, che le cose si aggiustino così come verranno nessuno che prende una posizione, oltre a quell'essere incantevole che è la donna, le donne con la D maiuscola....come fare per....quale è l'atteggiamento giusto, il modo di comportarsi nel migliore dei modi, quando improvvisamente ovunque una donna si giri trova ostacoli, se si percorre una strada o l'altra dove sono le zattere, fatte non di 'ufficialità', di quell'ufficialità, che spesso non appartiene a moltissime donne, quell'ufficialità che non doveva nemmeno invadere il campo di certe donne ...la zattera, che le donne si costruiscono da sole, spesso vengono ammainate da chi non dovrebbe...perchè improvvisamente i piccoli nani, che gli ruotano attorno, perdono le certezze, la fiducia in se stessi, spesso i piccoli nani, in contesti faticosissimi di delusione, dei loro punti di riferimento, annaspano, rifiutando ogni cosa, rifiutando di fare i loro doveri, per attirare l'attenzione su se stessi ed in più non credono più a loro stessi....donne che filosofeggiano tutto il giorno per capire, per trovare il modo di, per comportarsi nel modo giusto, per trovare il senso delle cose, delle scelte, loro ed altrui e nonostante tutto però, si attivano affinchè le cose avvengano, si attivano perchè il mondo continui ad andare avanti, il mondo continui a girare intorno a loro, nel modo giusto...fanno introspezione, si confrontano, si attanagliano la mente per capire e poi che fanno? ci sono giorni che si trascinano faticosamente, da un posto all'altro, senza mai mollare, piangono, si arrabbiano, provano delusione, senso d'abbandono, si chiudono in bagno e piangono, di quel pianto disperato, di quel pianto che le faccia uscire dal loro corpo tutto quel dolore imposto, tutto quel dolore che i famosissimi 'addetti ai lavori' impongono, per il bene di chi? quale bene, può essere, procurare un dolore immenso ad un essere umano che combatte la propria battaglia da sola...quell'essere umano, spesso può essere il 'capo espiatoio' per chi non sapeva come togliersi delle 'castagne dal fuoco' , spesso è cosi si fa 'fuori' la pedina che apparentemente è più debole, senza appigli, senza appoggi, senza 10000 followers...ma non è così che si fa, perchè poi le coscienze a lungo andare peseranno, poi le coscienze, i rimorsi, anche se ci si da delle spiegazioni che possono essere apparentemente giuste, quelle spiegazioni che vanno solo in un senso e non nell'altro, l'elefante che schiaccia il topolino, i potenti che schiacciano quelli meno, anche con 'armi' non del tutto leali....ma il tempo di tutti è prezioso, il tempo scorre e non si può lasciare andare alla deriva nessuno, tutti devono salire sulla zattera della salvezza, nessuno escluso ed è proprio quell'essere umano che viene lasciato andare che forse gli ottusi non capiscono che appresso a loro c'è ne andranno altri, uno, due dieci,mille, cento, perchè se ti comporti nel modo giusto, aiuti mille altre persone, mille altri bambini....bisogna imparare a dosare ogni cosa, bisogna imparare a dosare rabbia,felicità,gioia,delusione...L'arte di fare, è tipica di chi spesso non è riuscito a salire in quella zattera...essere inappuntabile ma imperfette, quello è il segreto delle Donne con la D maiuscola, donne che non smettono mai di, sempre alla ricerca di con quel sorriso a volte forzato sulle labbra, con quel sorriso che non perdono mai, se non chiuse in quel bagno dove nessuno può sentire quel pianto silenzioso, spesso urlante, spesso disperato, Donne eleganti e sicure di se, donne in grado di avere una naturalezza tale da abbagliare anche nei gg di buio intenso, perchè hanno nel loro DNA quella forza degli antenati, Donne che sanno benissimo che vincerà chi fa squadra, che sanno benissimo che le 'vite' e poi le 'carriere' dei propri figli si costruiscono sin da piccoli, con la collaborazione di chi deve essere presente nella loro vita, le donne sanno spesso che il silenzio vince sopra la chiacchera, l'urlo di Munch, quell'urlo disperato misto alla solitudine dell'anima, del corpo, della società....quale è lo standard d'idea, in cui ci si deve comportare affinche le cose accadano ? Eppure, spesso le donne si comportano proprio come ci si aspetta, donne che si meriterebbero l'oscar per come riescono ad affrontare la quotidianità, qualunque essa sia, in qualunque quartiere vivano sia esso,il più chich, sia esso il più squallido e pericoloso della zona, della città....fronteggiano situazioni che un uomo non sarebbe in grado di, portano avanti una 'valigia' carica di oneri familiari, educativi,lavorativi,di benessere che nessun altro sa fare....e spesso si fermano, si guardano allo specchio e si pongono il quesito, per trovare in quell'immagine riflessa la risposta alla loro domanda...la trovano all'istante, non la trovano, non fa nulla....ci riproveranno il gg dopo, il gg dopo ancora....ma non smetteranno mai di inquisirsi, di arrovellarsi fino a che non raggiungono il loro obbiettivo finale, che è il benessere dei loro figli e poi il loro, il benessere = la salvezza, quel benessere fatto di tutti gli ingredienti di cui uno chef ha bisogno per far si che il suo 'piatto' possa ricevere dal critico tanto inindulgente, le famosissime stelle michellin, sogno di una vita, sogno di una carriera....quel modo è fatto di sacrifici, quel modo è fatto della magia di quel tutto che rapprensenta l'essere femminile, l'essere donna: organizzare, creare, studiare, pulire, agire, gioire, piangere, sorridere,lavorare e poi gg che si raccoglie e gg che invece se pur si pensa di aver seminato nel migliore dei modi, arrivano le grandinate, le burrasche, gli tsunami che passano e distruggono e quelle donne, ricominciano, ricominciano da capo, senza mai lasciare nulla d'intentanto...quello è il modo giusto di comportarsi, sia che una donna faccia politica, la casalinga, insegni, faccia l'autista, la spazzina, l'impiegata, la dottoressa, la giornalaia, la Presidente, il Sindaco, la commerciante, l'avvocato, il commercialista, la giornalista,la Preside,la cantante,...donne che svolgono lavori dai più umili ai più ambiziosi, è proprio il loro spirito, che non viene mai a mancare, è quello spirito che le rende speciali, uniche....che spesso risorgono dalle ceneri, di accadimenti che arrivano all'improvviso, quegli tsunami inaspettanti, per ricostruirsi, per ritrovare se stesse ed il mondo che le circonda....purtroppo spesso si trovano a dover fronteggiare situazioni difficili, vortici, che se, gli uomini che fanno parte della loro vita o che non ne facciano più parte ma devono continuare a svolgere il  loro compito collaborando, per il bene di piccoli nani,  non sono in grado di farlo, o peggio ancora, non sanno essere degli essere umani 'buoni', allora le avversità si amplificheranno. La caratteristica principale degli uomini, quel tratto che dovrebbero avere in situazioni del genere è quel tratto 'femminile',  che li contradistinguerebbe, che gli farebbe capire proprio il genere femminile e spesso ciò accade quando un uomo nasce in una famiglia 'matriarcale' e non, in una famiglia 'patriarcale', dove l'ha fatta da padrona solo:  la prepotenza, la violenza, il silenzio, il vuoto e la tiranneria.....bisognerebbe, trovare nel cammino della vita di ogni donna, un uomo che crede ciecamente nel loro 'modo d'agire', perchè loro possiedono una marcia in più, in grado di svolgere con quel 'tocco femminile', fatto di magia pura, ogni professione ed ogni situazione....allora si, che dalle catastrofi ci si risolleverebbe in un batter d'occhio, allora si, che i fallimenti sarebbero solo delle vittorie, allora si, che gli investimenti avrebbero sempre un profitto e non una perdita, allora si, che le famiglie in procinto di crollare si risolleverebbero, allora si ..che tante cose avrebbero e prenderebbero quella giusta piega e seguirebbero, quel modo decisivo e corretto di comportamento umano e sociale,  in grado di fargli superare il traguardo da vincitrici e non da  perdenti o meglio ancora, da vincitrici mancate, per cause di forza altrui, per cause inspiegabili,inaccettabili, in cui l'umanità non l'ha fatta da padrona ma da vigliacca!

Potrebbeinteressarti