Cultura Lecce 

Al Fondo Verri il recital sull'Iliade

Recital a cura di Fabbricanti di Armonie con Marco Graziuso, voce recitante; Mattia Graziuso, chitarra; Jacopo Graziuso percussioni. Capolavoro assoluto della poesia epica, l’Iliade è ...

Recital a cura di Fabbricanti di Armonie con Marco Graziuso, voce recitante; Mattia Graziuso, chitarra; Jacopo Graziuso percussioni. Capolavoro assoluto della poesia epica, l’Iliade è il punto d’origine al quale la letteratura di tutte le epoche non ha mai cessato di tornare, misurandosi costantemente con la sua ricchezza tematica e con il mistero della sua continua attualità. La furia di Achille, l’astuzia di Ulisse, il coraggio di Patroclo, la magnanimità di Ettore colpiscono ancora così a fondo, perché l’umanità di questi personaggi attraversa i millenni, per i valori che riconosciamo ancora oggi come fondamentali: il coraggio, la pietà, la dignità, l’amicizia. Ma, non solo. Ci sono due cose che tra le pieghe della narrazione ci lasciano muti: il senso della bellezza e il senso della giustizia. Di una bellezza sconvolgente è ogni personaggio che si muove sul teatro della guerra. Ciò che colpisce di più è la capacità di suscitare emozione attraverso una narrazione che fa vedere, come in un film, le scene di una battaglia cruda e sanguinosa, necessaria agli uomini per diventare eroi, per farsi simili a quegli dèi che incrociano nell’ineluttabilità dei loro destini. Tutti, nell’Iliade, si muovono in qualche modo per mano degli dèi. Tra questi, l’unico che da solo va incontro verso il proprio destino è Patroclo, il compagno di Achille; la sua morte sembra addirittura portare la narrazione stessa da un’altra parte. Ma soprattutto, e non solo nell’Iliade, tutti piangono. Perché? Omero, o chi per lui, dice che quello era il loro modo di stare al mondo, lo racconta nel migliore dei modi possibili, con la poesia. Raccontare la morte di Patroclo può diventare l’occasione per una riflessione più ampia e profonda sul senso della stessa vita di ogni uomo, che pure sogna di avere il suo momento di gloria, quella gloria che ineluttabilmente lo segnerà e lo porterà verso la sua stessa fine. Ma, soprattutto, raccontare l’amore.  Tutto questo nel recital che verrà proposto questa sera al Fondo Verri di Lecce  Sabato 2 novembre 2019, dalle 19.30 Suoni di versi: Dall’Iliade - Le lacrime di Achille

Potrebbeinteressarti