Cronaca 

Tregua fiscale, Copertino aderisce alla rottamazione delle cartelle

Per la sindaca Sandrina Schito si tratta di una misura doverosa per aiutare le famiglie provate dalla pandemia

L’amministrazione comunale di Copertino ha deciso di aderire “tregua fiscale” inserita nella legge di bilancio 2023 per la rottamazione delle cartelle IMU e TARI e delle multe emesse fra il 2010 e il 2015. «Abbiamo deciso di aiutare le famiglie già provate dalla grave congiuntura finanziaria -spiega la sindaca Sandrina Schito-: una misura doverosa dopo la pandemia, i rincari generalizzati, l'inflazione, situazioni che hanno aggravato non poco una situazione economicamente già precaria per molti nuclei familiari».

Non si tratta infatti di uno stop nella lotta all’evasione, «che resta obiettivo fondamentale e principio di equità e di giustizia per la collettività e per chi paga puntualmente le tasse», ma di un principio di umanità: «Questi giorni di ascolto, di richieste d'aiuto, non possono farci restare insensibili rispetto a un problema che attanaglia molte, troppe famiglie. Aderire alla “tregua fiscale” non è infatti un condono, ma - come dice la definizione stessa - una tregua - conclude la sindaca - in attesa che la situazione generale migliori e che si possa pretendere dai cittadini che facciano il proprio dovere senza affliggerli oltre ogni umana ragionevolezza».



Potrebbeinteressarti