Cronaca Società Lecce 

Baratto amministrativo: definite le attività per ottenere riduzioni Tari e Imu

A breve pubblicato l'avviso pubblico. Associazioni e cittadini impegnati davanti alle scuole, nei parchi e all'archivio storico di Lecce.

Dopo l'approvazione del regolamento sull'istituto del “baratto amministrativo”, la giunta comunale, nell'ultima seduta, ha definito l'atto di indirizzo per individuare, sulla base delle esigenze del territorio, le aree di intervento nell'ambito delle quali le associazioni di cittadini ma, in via subordinata, anche i cittadini stessi possano impegnarsi e quali tributi comunali possano essere ridotti o azzerati a seguito delle attività svolte.

Il baratto amministrativo è la pratica con la quale, a fronte del riconoscimento di una riduzione o esenzione di un tributo comunale, in cittadini in forma singola o associata offrono alla comunità una propria prestazione di pubblica utilità, integrando un servizio già svolto dall’ente.

A breve sarà pubblicato l'avviso pubblico con il termine entro il quale gli interessati potranno dare la propria disponibilità alle attività previste per l'anno 2023.

Due le aree di intervento individuate dopo i tavoli svolti con i settori: la prima, proposta dal settore Polizia Locale, riguarda il rispetto e la cura del decoro urbano attraverso la presenza, per rafforzare nella cittadinanza comportamenti civili e solidali, di associazioni e cittadini dinanzi agli istituti scolastici alle ore di entrata e uscita per fornire assistenza agli alunni e, qualora si rendesse necessario, per accompagnarli in percorsi ciclopedonali, oppure all'interno dei parchi, dei giardini pubblici, degli edifici scolastici e delle aree di accesso ad attività commerciali, o ancora in occasione di manifestazioni pubbliche, e per favorire un'attiva osservazione sul corretto utilizzo delle attrezzature pubbliche.

La seconda area di intervento, proposta dal settore Politiche culturali, riguarda il supporto nelle fasi operative delle attività di riordino e trasferimento dell'Archivio Storico comunale o di altri immobili di proprietà dell'Ente, soprattutto nelle fasi di selezione e scarto, spolveratura e pulitura, prelevamento e ricollocazione di faldoni ai fini della catalogazione, della digitalizzazione e della sistemazione fisica sulla scaffalatura.  

Svolgendo queste attività, associazioni o cittadini potranno ottenere la riduzione o l'esenzione di due tributi comunali, la Tari e l'Imu.

«Con questo atto di indirizzo, procediamo nell'attuazione di uno degli obiettivi di mandato - dichiara l'assessore ai Tributi e fiscalità locale Christian Gnoni - che prevede l'introduzione nella nostra città dell'istituto del baratto amministrativo. Associazioni e cittadini che si mettono a disposizione svolgendo un'attività di pubblica utilità a fronte di una riduzione o esenzione nel pagamento della Tari e dell'Imu. Abbiamo individuato gli ambiti di intervento concentrando la presenza dei destinatari davanti alle scuole, nei parchi, durante le manifestazioni pubbliche e poi come supporto alle attività propedeutiche al trasloco dell'archivio storico. Questo primo anno sarà considerato un periodo sperimentale dopo il quale, se la risposta sarà positiva, speriamo di poter proporre progressivamente più aree di intervento».


Potrebbeinteressarti


A Taviano la Marcia della Pace

Straordinaria partecipazione di cittadini non solo tavianesi ma arrivati anche dai Comuni limitrofi alla manifestazione svolta sabato scorso.