Cronaca Puglia sette 

Dopo la rissa, padre e figlio cercano di farsi vendetta: denunciati

L'episodio su cui hanno fatto chiarezza i Carabinieri è avvenuto a Ceglie Messapica lo scorso 1° Novembre. Entrambi devono rispondere di violenza privata, danneggiamento aggravato e minaccia.

I Carabinieri della Stazione di Ceglie Messapica, per frenare gli episodi di violenza che nei giorni scorsi avevano destato allarme sociale, a conclusione di alcune indagini avviate dopo una rissa tra minorenni avvenuta in centro nella notte del 1° novembre scorso, hanno denunciato in stato di libertà un 47enne e suo figlio 16enne, con l’accusa di violenza privata, danneggiamento aggravato e minaccia.

Nel corso di quella notte, due gruppi di minorenni, una decina in tutto, si erano affrontati generando una rissa al termine della quale uno dei partecipanti, insieme al padre, aveva raggiunto l’abitazione di uno degli antagonisti dove, con la propria autovettura, aveva abbattuto il cancello, scardinandolo.

Poi, sceso dall’auto, con un bastone in legno in mano aveva minacciato i componenti della famiglia del rivale. La vittima, incredula per quanto stava accadendo, non essendo a conoscenza che uno dei suoi figli fosse stato coinvolto pochi minuti prima nella rissa, si è rivolta alle forze dell’ordine raccontando quanto subito e permettendo così di ricostruire gli eventi collegati tra loro.

Gli autori e la dinamica dell’evento reato sono stati ricostruiti a seguito della denuncia della persona offesa e l’escussione di alcuni testimoni.


Potrebbeinteressarti