Cronaca Società Novoli 

Femminicidio Novoli, la ASL Lecce attiva la rete antiviolenza per i due bambini

Per i fratellini di 2 e 7 anni attivato il Protocollo operativo Giada, previsto per la tutela dei minori che rimangono senza madre perché assassinata e senza padre perché in carcere o suicida.

In merito al tragico femminicidio avvenuto a Novoli, cui è seguito il suicidio del marito omicida, la ASL Lecce ha prontamente attivato la rete antiviolenza dei suoi servizi specialistici, con i pediatri di famiglia, in cooperazione con i Servizi sociali del Comune di residenza, per la protezione dei due figli minori di 2 e 7 anni, per l'applicazione del 'Protocollo operativo Giada', previsto nel caso di orfani speciali di femminicidio. Si tratta del protocollo a cui si fa riferimento per la tutela dei bambini che rimangono senza madre perché assassinata e senza padre perché in carcere o suicida.

Vengono messe in campo tutte le iniziative utili previste dal Manuale operativo della Regione Puglia (approvato il 20 ottobre 2020 in seguito al D.G.R. N. 1878/2016 “Linee guida regionali in materia di maltrattamento e violenza nei confronti delle persone minori per età) per cui i Centri Specialistici per la Cura Del Trauma Interpersonale e il Centro di Riferimento Regionale di III livello attivano tutte le azioni di protezione e presa in carico integrate tra sistema sanitario e servizi sociali.

Sarà cura di ASL Lecce seguire ogni sviluppo del caso attraverso la dott.ssa Titti De Luca, referente prevenzione e contrasto alla violenza sulle donne e sui minori della Asl.



Potrebbeinteressarti