Cronaca Lecce 

Riordino delle carriere e nuove uniformi, l'Osapp in attesa di notizie certe

Dopo la partecipazione in tv della senatrice Angela Piarulli, l'organizzazione sindacale le ha inviato una lettera per conoscere lo stato dei fatti in qualità di promotrice del riallineamento della Polizia Penitenziaria.

La Segreteria Regionale dell'Organizzazione Sindacale Autonoma di Polizia Penitenziaria (Osapp), ha inviato una lettera alla senatrice Angela Piarulli per chiedere notizie circa il riordino delle carriere e relativa fornitura di nuove uniformi e tessere di riconoscimento per la Polizia Penitenziaria:

''Egregia Senatrice, Lei nella trasmissione A chiare lettere sull'immettente televisiva Antenna Sud del 1 6 Maggio 2022, condotta dalla Dottoressa Maria Teresa Carrozzo, dove si parlava del sistema penitenziario e delle Carceri Pugliesi e delle relative condizioni della Polizia Penitenziaria, aveva dichiarato che era stata promotrice del riallineamento della Polizia Penitenziaria, che di fatto non è avvenuto per la Polizia Penitenziaria, anche in considerazione dello scorrimento delle graduatorie degli idonei, avvenuta di fatto per le altre forze di Polizia e non per la Polizia Penitenziaria, aveva preso un impegno pubblico, nel sollecitare in primis la fornitura delle nuove uniformi, tute operative, anfibi con relativi nuove insegne, gradi e fregio e tessere di riconoscimento per la Polizia Penitenziaria, dandoci notizie dello scorrimento, inoltre dandoci contezza delle avvenute commesse e tempi di distribuzione.

Pertanto, con la presente Le chiediamo notizie in merito, considerando che l'attenzione di un parlamentare, parte proprio nel mantenere le promesse fatte, soprattutto quelle pubbliche, come è avvenuto in una trasmissione alla presenza dello scrivente Segretario Regionale e del Delegato Regionale Lorenzo Matarazzo, e di fatto anche a migliaia di telespettatori, considerando la caratura regionale e nazionale della trasmissione, per cui dia segno di vera attenzione dandoci notizie in merito, possibilmente documentate, che gireremo nell'immediatezza a tutti i nostri associati, espandendola a tutte le poliziotte e poliziotti penitenziari associati''.



Potrebbeinteressarti


Punito per aver fatto ''l'infame'', arrestato l'assassino

Ad uccidere due anni fa il 19enne Giampiero Carvone sarebbe stato un 26enne brindisino già agli arresti domiciliari. Alla base dell'omicidio un furto d'auto ad una persona sbagliata e l'aver riferito negli ambienti malavitosi i nomi dei complici.