Puglia sette 

Impianti off-shore: delibera della Regione per proteggere Gargano e Salento

Una delibera di Giunta destinata al ministero individua le aree da preservare da impianti di produzione di energia

Il Gargano e il Salento escluse dalle aree in cui realizzare insediamenti off-shore per la produzione di energia. Il tema è stato affrontato nel corso della V Commissione regionale che si è confrontata  sulla delibera di Giunta regionale contenente la pianificazione dello spazio marittimo dell’area Adriatico e Ionio e Mediterraneo Centrale. Le due aree – Gargano e Salento – sono state individuate  come aree su cui rafforzare la tutela dal punto di vista paesaggistico con ciò intendendo escludere o comunque scoraggiare l'insediamento di infrastrutture off shore per la produzione di energia.
Al di fuori di tali aree sono state individuate delle fasce a distanza compresa tra le 10 e le 12 miglia alle quali è stato attribuito l'uso generico, con ciò intendendo che dette aree potranno essere destinate a insediamenti off shore per la produzione di energia: si tratta di porzioni di mare al largo dei porti di Bari, Brindisi e Manfredonia.

Nella pianificazione all’interno dello spazio marittimo sono da regolamentare tante attività, pertanto essa non è da considerare solo dal punto di vista energetico. 
È un documento che contiene quindi, sotto il punto di vista di un contributo al Ministero, una serie di misure e raccomandazioni di indirizzo per lo svolgimento delle attività negli spazi del mare.

Potrebbeinteressarti