Cronaca Puglia sette 

Pizzaiolo salentino ucciso a Sheffield, c'è una svolta

La South Yorkshire Police ha fermato ieri un 18enne (rilasciato su cauzione) ed oggi un 17enne per l'omicidio di Carlo Giannini, avvenuto il 12 maggio scorso in Inghilterra.

C'è un arresto per l'omicidio di Carlo Giannini, il pizzaiolo 34enne di Mesagne ucciso a Sheffield, in Inghilterra, ed il cui corpo fu ritrovato all'alba del 12 maggio scorso in un parco cittadino. 

A finire in manette, come annunciato dalla South Yorkshire Police, è stato un 18enne del posto fermato dalle forze dell'ordine d'Oltremanica poi rilasciato su cauzione, oltre ad un 17enne che invece è stato fermato oggi con l'accusa di aver accoltellato il cuoco italiano. Ignoto, al momento, il movente che ha portato i due a compiere il misfatto.

Le indagini degli inquirenti proseguono per fare chiarezza sull'accaduto, con la polizia inglese che ha invitato chiunque sia a conoscenza di dettagli utili all'inchiesta a presentarsi nei propri uffici. A tal proposito, sono stati anche pubblicati alcuni fermo-immagine del un video di una telecamera pubblica installata all'interno del Manor Fields Park in cui si vede la vittima prima dell'aggressione che ha portato poi alla sua morte.

Giannini da tempo non viveva più con la propria famiglia a Mesagne. Dopo alcune esperienze lavorative in Germania, da diversi mesi si era trasferito in Inghilterra, trovando impiego in un ristorante.


Potrebbeinteressarti


Tentato omicidio, in due finiscono in manette

I Carabinieri di San Vito dei Normanni hanno arrestato due individui del posto che domenica scorsa hanno fallito una spedizione di morte in casa di un sorvegliato speciale. L'arma s'inceppò. Contestato il metodo mafioso.