Cronaca 

Concessioni balneari, pubblicate le sentenze. Salvemini: «Vinta una battaglia di principio»

Il Consiglio di Stato ha confermato la piena legittimità delle iniziative del Comune di Lecce

Questa mattina sono state pubblicate 11 delle 13 sentenze pronunciate dalla VII Sezione del Consiglio di Stato relative agli appelli proposti dal Comune di Lecce, rappresentato in giudizio dagli avvocati Silvestro Lazzari e Laura Astuto – in materia di concessioni demaniali, contro altrettante precedenti sentenze del Tar Lecce. Tema del contendere il rifiuto opposto dal Comune di Lecce alla richiesta di proroga delle concessioni balneari al 2033, a cui Palazzo Carafa aveva affiancato un interpello finalizzato alla concessione di una proroga tecnica al 2023, in attesa della riforma del settore e delle gare pubbliche.

Il Consiglio di Stato ha confermato la piena legittimità delle iniziative del Comune di Lecce, anche alla luce delle sentenze n. 17 e 18 /2021 rese dalla Adunanza plenaria del Consiglio di Stato, convocata dal presidente Filippo Patroni Griffi dopo una lettera del sindaco Carlo Salvemini con la richiesta di giungere da parte del massimo organo della giustizia amministrativa ad un definitivo e non più rinviabile chiarimento sulla materia.

«Giunge al termine una vicenda che ci ha visti impegnati in questi anni a ribadire la piena legittimità dell’operato del Comune di Lecce a fronte della illegittimità del sistema delle proroghe automatiche delle concessioni demaniali – dichiara il sindaco Carlo Salvemini – una battaglia di principio condotta non contro i balneari ma per l’affermazione dell’interesse pubblico che sempre guida il nostro operato. Ringrazio gli avvocati Lazzari e Astuto che hanno rappresentato in maniera impeccabile il Comune in questa vicenda. I titoli concessori devono avere una scadenza perché le spiagge non sono proprietà privata e inamovibile, ma un bene comune scarso, che ha un valore importante per la comunità e che deve essere concesso attraverso procedure di evidenza aperte a tutti, anche ai numerosi outsider che vogliono misurarsi con il fare impresa balneare, sportiva, culturale o attività sociali destinate ai cittadini fragili sul demanio marittimo. E che fino ad oggi hanno visto le loro legittime aspettative negate dalla chiusura immotivata di un settore economico che invece può dare tanto allo sviluppo del Paese. Resta aperto il tema nazionale dell’equilibrio che occorre garantire tra spiaggia pubblica e spiaggia in concessione lungo tutto il litorale. Serve una legge sul demanio marittimo che garantisca la tutela ambientale, la cura e l’accessibilità delle spiagge per tutti, insieme alla valorizzazione delle potenzialità economiche di crescita che essere possono generare».



Le sentenze di oggi accolgono i ricorsi del Comune di Lecce. Il Consiglio di Stato, in sintesi, ha ritenuto che i titolari di stabilimenti balneari non possono beneficiare della proroga della propria concessione ai sensi della legge 145/2018, giudicata dall’Adunanza plenaria, dunque “in sede nomofilattica”, contraria al diritto dell’Unione europea e dunque disapplicabile anche dalla pubblica amministrazione. In questa linea il provvedimento di diniego adottato all’epoca dal Comune di Lecce, fondato proprio sulla prevalenza del diritto sovranazionale, è legittimo. Solo per «evitare il significativo impatto socio-economico che deriverebbe da una decadenza immediata e generalizzata di tutte le concessioni in essere» e in considerazione «dei tempi tecnici» necessari per espletare le gare ai sensi dell’art. 12 della direttiva Bolkestein (2006/123/CE) l’Adunanza plenaria del Consiglio di Stato ha stabilito che le concessioni «già in essere continuano ad essere efficaci sino al 31 dicembre 2023».



Potrebbeinteressarti


Punito per aver fatto ''l'infame'', arrestato l'assassino

Ad uccidere due anni fa il 19enne Giampiero Carvone sarebbe stato un 26enne brindisino già agli arresti domiciliari. Alla base dell'omicidio un furto d'auto ad una persona sbagliata e l'aver riferito negli ambienti malavitosi i nomi dei complici.