Cronaca Surbo 

Ipotesi impianto compostaggio a Masseria Ghetta, il no dei sindaci di Trepuzzi e Surbo

Conferenza stampa per chiarire le ragioni del diniego alla realizzazione dell'impianto

Si è svolta ieri mattina presso la sala giunta del Comune di Trepuzzi la conferenza stampa congiunta dei sindaci di Trepuzzi (Giuseppe Taurino) e Lecce (Ronny Trio) inerente la chiusura del ciclo dei rifiuti e l'ipotesi di realizzazione di un impianto di compostaggio in località Masseria Ghetta.
Questa la nota stampa a firma dei due sindaci: Siamo qui a ribadire il nostro NO ad un’opera privata in un luogo strategico dal punto di vista ambientale, storico, culturale e turistico, che non rispetterebbe in alcun modo lo spirito per cui le amministrazioni locali avevano avviato il confronto sulla chiusura del ciclo dei rifiuti. Non accetteremo mai l'idea che la realizzazione di quest’impianto venga mascherata come un'iniziativa pubblica quando invece nasce da un soggetto privato e tenuto conto che, a meno di 30 km dalle nostre ARO, più precisamente ad Erchie, esiste già l'autorizzazione per un impianto di compostaggio a gestione privata.

Quindi non esiste un intervento del pubblico utile a calmierare le tariffe come rassicurato in sede dal Presidente dell’Ager Grandaliano. L’appello lo rivolgiamo ancora una volta agli organi istituzionali coinvolti, affinché ascoltino le nostre ragioni e si torni a dialogare intorno ad un tavolo preposto per riaprire il confronto, partendo dal principio per cui l'Assemblea dei Sindaci si è già espressa: tali iniziative devono essere esclusivamente del pubblico e mai private. Al Presidente della Provincia il compito di convocare i presidenti delle ARO della Provincia di Lecce per riprendere un confronto interrotto dopo l'ultimo incontro nel quale peraltro erano emerse anche altre proposte.
Servizio di Adriana Greco

Potrebbeinteressarti

A Copertino un albero per Melissa Bassi

Cerimonia domani sera al rione Gelsi alla presenza dei genitori della ragazza. Cittadinanza onoraria a Cataldo Motta che condusse le indagini sulla bomba all’Istituto professionale “Morvillo Falcone” di Brindisi.


Torre Chianca, ordigno in spiaggia

Il residuato bellico è stato fatto brillare stamattina dai militari dell’11° Reggimento Guastatori di Foggia chiamati dopo il ritrovamento avvenuto ieri da un equipaggio di EcoFederCaccia della Provincia di Lecce.