Cronaca Gallipoli 

A spasso con il Covid con la scusa del cane: in 17 «beccati» dalla Polizia Locale di Gallipoli

I controlli intensificati nelle ultime settimane

A Gallipoli tolleranza zero per chi non rispetta le regole contro il Covid-19. Nelle ultime tre settimane la Polizia Locale ha intensificato le attività di controllo nei confronti di chi ha contratto il virus e ha l’obbligo di non allontanarsi dalla propria abitazione o dal proprio domicilio.

Sono più di 400 i controlli effettuati dagli agenti di Polizia Locale i quali hanno segnalato ben 17 notizie di reato tra i cittadini gallipolini. I controlli sono stati e sono tuttora eseguiti giornalmente e sono effettuati a  campione. L’inosservanza delle regole ha portato al deferimento all’Autorità Giudiziaria degli illeciti: tra le scuse più in voga quelle dell’accompagnamento del proprio animale domestico in strada o quelle relative all’esame dei test diagnostici per la conferma da infezione da Covid-19.

 «La città ha registrato nelle ultime settimane un drastico aumento dei contagi, un trend in linea con quello regionale e nazionale. La tutela della salute non può passare in secondo piano – commenta l’assessore alla Polizia Locale Stefania Oltremarini – ed è per questo motivo che saremo sempre di più intolleranti nei confronti di chi non rispetta le regole. Ringrazio il Comandante della Polizia Locale, Alessandro Leone, per il coordinamento delle attività e tutti gli agenti che svolgono lodevole servizio per la comunità. È nostro dovere tutelare la salute della collettività ma è anche vero che la responsabilità della diffusione del contagio è di noi tutti: non rispettare le regole, lasciare la propria abitazione essendo contagiati non solo è una mancanza di responsabilità ma anche una mancanza di rispetto nei confronti di tutti».




Potrebbeinteressarti