Cronaca Puglia sette 

Costringe con schiaffi e minacce la convivente a chiedere l’elemosina: arrestato

In manette un 60enne domiciliato a Mesagne per maltrattamenti in famiglia e resistenza a pubblico ufficiale

Costringe con schiaffi e minacce la convivente a chiedere l’elemosina: è stato arrestato in flagranza di reato dai carabinieri della stazione di Mesagne un 60enne di origine romena, domiciliato nel centro pugliese da oltre 20 anni, per maltrattamenti in famiglia e resistenza a pubblico ufficiale.

In particolare, la convivente romena dell’uomo si è presentata presso la stazione dei carabinieri in evidente stato di agitazione e ha denunciato il 60enne dichiarando di essere giunta in Italia nel mese di luglio scorso presso l’abitazione del connazionale e di essere stata da quest’ultimo indotta con l’inganno a raggiungerlo con la promessa di un posto di lavoro come badante; poi percossa continuamente con schiaffi, minacciata di morte e maltrattata nonché obbligata a elemosinare denaro nei pressi del cimitero o di un supermercato di Mesagne, fino a raccogliere almeno 25 euro al giorno; e ancora percossa con schiaffi poiché geloso di una asserita – e non veritiera – relazione con il vicino di casa, di nazionalità italiana.

Ricevuta la denuncia, la donna, che si era presentata trasandata e malnutrita, è stata condotta dai militari operanti presso la sua abitazione al fine di prelevare alcuni indumenti per poi essere trasportata presso una struttura protetta e, nella circostanza, il 60enne ha tentato di aggredirla con dei colpi al volto, venendo prontamente bloccato dai militari a seguito di una breve colluttazione. La donna è stata dunque condotta presso il locale pronto soccorso per le cure del caso dove è stata riscontrata affetta da vari traumi.

Conclusi gli accertamenti sanitari, la medesima è stata dunque condotta in idonea struttura protetta mentre l’uomo, dopo le formalità di rito, è stato tradotto presso la casa circondariale di Lecce come disposto dall’Autorità Giudiziaria.

 

Potrebbeinteressarti