Cronaca Lecce Puglia sette 

Assaltarono furgone portavalori armati di kalashnikov, sgominata banda di rapinatori

La tentata rapina avvenne l'8 gennaio del 2018 sulla Lecce-Brindisi

Gli agenti della Polizia di Stato delle Questure di Brindisi, Bari e Foggia coadiuvati da personale del Servizio Centrale Operativo, del Servizio Polizia Scientifica di Roma nonché da numerosi equipaggi del Reparto Prevenzione Crimine Puglia, hanno eseguito alle prime ore di oggi una vasta operazione di Polizia Giudiziaria coordinata dalla Procura della Repubblica di Brindisi. 

L’attività di Polizia giudiziaria ha portato ad individuare la banda, che poco prima delle 7 del 1’8 gennaio 2018, assaltò un furgone blindato portavalori della ditta Cosmopol bloccato sulla superstrada Lecce-Brindisi finito nel mirino di un commando di oltre 10 persone armato di fucili mitragliatori kalashnikov.

Sette ordinanze di custodia cautelare in carcere  , una ancora non eseguita perchè il soggetto è irreperibile, un indagato a piede libero e un soggetto sottoposto all’obbligo di dimora. Gli arrestati sono Raffaele L’Abbate, 50 anni di Monopoli e il figlio Pietro L’Abbate, 29 anni; Ciro Morelli, 63 anni di Foggia; Nunzio Arnese, 60 anni di San Ferdinando di Puglia; Addolorata Piazzolla,  57 anni di San Ferdinando di Puglia e Paolo Padalino, 56 anni di Foggia. Obbligo di dimora per Antonio Luigi Ricci,  64 anni di  Lucera.

La tentata rapina avvenne all'alba sulla Statale Lecce- Brindisi, all'altezza di Tuturano. Quattro malviventi armati di fucili a canne mozze affiancarono un furgone portavalori della Cosmopol che viaggiava in direzione di Brindisi esplodendo anche alcuni colpi in aria. Sull'asfalto per bloccare la marcia del mezzo anche dei chiodi in ferro. L'imponente organizzazione non ebbe l'esito sperato: i banditi non sono risucirono ad aprire il portellone del furgone e le guardie giurate rimasero asserragliate all'interno in attesa delle forze dell'ordine costringendo i malviventi a dileguarsi a piedi nelle campagne all'altezza di Cerano.  


Potrebbeinteressarti