Cronaca Curiosità Lecce 

Arrivate al Fazzi le tremila mascherine donate dal cardiologo cinese che studiò a Lecce

Tremila le mascherine arrivate sull’asse Wuhan-Cina tramite la Croce Rossa di Lecce, donate dal cardiologo Wei Xiang ai colleghi leccesi Villani e Rocco

Sono finalmente giunte a destinazione, a Lecce, dopo un lungo e travagliato viaggio, le 3.000 mascherine donate da Wei Xiang, direttore della Cardiochirurgia del Tongji Hospital, University of Huazhong, Provincia dell’Hubei, in Cina. Il medico cinese, nel 2002 aveva effettuato uno stage di 12 mesi presso la Cardiochirurgia dell’Ospedale “Vito Fazzi” di Lecce, diretta all’epoca dal dottor Massimo Villani e dove ancora lavora Domenico Rocco.

Le mascherine sono state donate ai dottori Massimo Villani e Domenico Rocco in segno di riconoscenza per l’insegnamento delle tecniche cardiochirurgiche che il cardiochirurgo cinese ha successivamente applicato e sviluppato con successo a Wuhan, a tal punto da diventare Direttore di uno dei più grossi centri di Cardiochirurgia di tutta la Cina.

La città di Wuhan colpita, prima nel mondo, dalla pandemia di coronavirus sta uscendo da questa grave epidemia e Wei Xiang adesso ha voluto tendere la mano, in segno di gratitudine, al suo maestro.


Il trasporto delle mascherine da Wuhan, via Shangai e Roma, è stato molto travagliato e si è concluso grazie alla perseveranza di Domenico Rocco ed alla collaborazione di Antonio Zecca, Presidente della Croce Rossa di Lecce, che si è fatto carico anche del ritiro delle mascherine a Roma e del trasporto a Lecce.

Le mascherine, tecnicamente denominate “respiratori”, sono di elevata qualità per l’elevato filtraggio e sono classificate tipo N95 (secondo lo standard degli Stati Uniti) che è equivalente alle FFP2 (secondo lo standard Europeo). 2000 mascherine sono state donate all’Ospedale “Vito Fazzi” e 1000 all’Ordine dei Medici di Lecce per tamponare le necessità dei sanitari che, in prima linea, stanno rischiando la loro vita per curare i malati affetti da coronavirus.

A questa buona notizia si aggiunge quella che Wei Xiang di Wuhan si è dichiarato disponibile a donare a Lecce altre 3.000 mascherine.

 

Potrebbeinteressarti