Cinema Puglia sette 

Bit, Sergio Rubini presenta il nuovo spot “Puglia autentica meraviglia”

Il regista Sergio Rubini presenta un nuovo spot “Puglia autentica meraviglia”

Per Sergio Rubini, regista e attore pugliese, la Puglia è una regione turistica 12 mesi l’anno, così ha deciso di porre la sua firma sul progetto “Dove vai? In Puglia, in Puglia, in Puglia, e non solo d’estate” di Pugliapromozione.

Questo spot nasce come una grande emozione che dura circa 60 secondi, attraverso la quale il protagonista, con la sua immaginazione, riesce a cogliere il racconto delle sei province pugliesi.

 L’ambientazione dello spot è al nord, nello studio di una psicanalista. La dottoressa è una donna prossima ai sessant’anni, ed è di origini straniere. Parla con una voce antica, che sembra provenire da chissà dove. Sul lettino è sdraiato un quarantenne di bell’aspetto ma molto teso, vittima di nevrosi, totalmente assorbito da un perenne presente fatto solo di lavoro, denaro e apparenza. L’analista gli fa notare che non può continuare così, che è troppo stressato e che il ritmo della vita che conduce lo lacera ed ha bisogno di rilassarsi. Così lo invita a chiudere gli occhi e lo invita a immaginare luoghi bellissimi. È insieme al protagonista che ci ritroveremo in Puglia.

Si parte dall’immagine dell’antico borgo di Bovino, il parco nazionale dell’Alta Murgia, Polignano a Mare, l’Abbazia di Santa Maria di Cerrate, il parco naturale di Torre Guaceto, ed il museo nazionale archeologico di Taranto.

Il presidente ENIT, Giorgio Palmucci, descrive lo spot con queste parole: “Questo spot potrà essere di stimolo ulteriore anche per noi italiani che spesso non conosciamo bene la nostra Italia; questo è bellissimo e terapeutico.”

Mentre il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, afferma che lo spot è essenziale perché in un mondo sempre più incomprensibile, la Puglia è un luogo che rende più lucido il pensiero e attraverso i suoi paesaggi aiuta tanto a vivere.

Alice Spagnolo


Potrebbeinteressarti

Punito per aver fatto ''l'infame'', arrestato l'assassino

Ad uccidere due anni fa il 19enne Giampiero Carvone sarebbe stato un 26enne brindisino già agli arresti domiciliari. Alla base dell'omicidio un furto d'auto ad una persona sbagliata e l'aver riferito negli ambienti malavitosi i nomi dei complici.


Tentato omicidio, in due finiscono in manette

I Carabinieri di San Vito dei Normanni hanno arrestato due individui del posto che domenica scorsa hanno fallito una spedizione di morte in casa di un sorvegliato speciale. L'arma s'inceppò. Contestato il metodo mafioso.